Domanda:
Quando esegui il bracketing delle foto, come tieni traccia di esse durante il post?
Dick Parker
2015-05-15 03:11:07 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando scarico le foto spesso non riesco a capire quali scatti con bracketing sono compatibili con quali. Come faccio a tenerne traccia durante la modifica?

Tre risposte:
#1
+3
MikeW
2015-05-15 04:02:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un modo comune per farlo è prima e dopo una sequenza di bracketing, scattare una foto veloce della tua mano. Ciò risalta e sai che tutti gli scatti tra i due scatti "a mano" sono la sequenza di bracketing. Puoi usare il suolo, il cielo, qualsiasi cosa che risalti facilmente in una miniatura

Un'altra cosa che aiuta è cambiare quella che è spesso la sequenza predefinita su molte fotocamere che inizia a 0ev, poi -1 e poi +1 . Trovo che sia molto più facile vedere una sequenza se va a -1, 0, +1 (o -2, -1, 0, +1, +2) poiché puoi vedere le immagini schiarirsi progressivamente, quindi diventare di nuovo scure che segnala il set successivo.

#2
+2
dpollitt
2015-05-15 04:10:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Adobe Lightroom può creare pile di immagini in base al tempo di acquisizione (che è una variabile che puoi modificare). Quindi lo uso.

Ulteriori informazioni sull'argomento: Aiuto Adobe - Impila automaticamente le immagini

+1 per il suggerimento di accatastamento. Puoi anche impilare manualmente.
#3
+1
BrianP007
2015-05-15 09:36:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

DP, in primo luogo, usa il tuo SHUTTER_COUNT nel nome del file. La mia D800E utilizza numeri a 4 cifre che posso eseguire il rollover in non molto più di un giorno. Esse SCount non dovrebbero mai rotolare nella vita utile della fotocamera in quanto dovrebbero arrivare a milioni mentre l'otturatore è solitamente valutato a 1/4 milioni o meno. In questo modo, non avrai DAP_9999 e DAP_0001 nello stesso set.

Quindi, controlla se la tua fotocamera ha un ExposureBracketValue:

D: \ pic \ new \ tp-2015.0506 -nef> exiftool -ExposureBracketValue tp-2015.0506-24748 * .nef

  ======== tp-2015.0506-247480.nefExposure Bracket Value: -3 ====== == tp-2015.0506-247481.nefValore del bracketing di esposizione: -2 ======== tp-2015.0506-247482.nefValore del bracketing di esposizione: -1 ======== tp-2015.0506-247483.nefSupporto di esposizione Valore: +1 ======== tp-2015.0506-247484.nef Valore del bracketing di esposizione: +2 ======== tp-2015.0506-247485.nefValore del bracketing di esposizione: +3 ====== == tp-2015.0506-247486.nefValore parentesi di esposizione: 0 ======== tp-2015.0506-247487.nefValore parentesi di esposizione: -3 10 file immagine letti  

Questo dovrebbe dirti se lo registra.

SubSecCreateDate è [di solito] un altro buon indicatore (a meno che tu non stia scattando panorami HDR con una scheda di memoria che non può tenere il passo con i tuoi scatti ng rate):

  D: \ pic \ new \ tp-2015.0506-nef>exiftool -SubSecCreateDate tp-2015.0506-24748 * .nef ======== tp-2015.0506-247480. nefCreate Date: 2015: 05: 06 18: 48: 57.20 START .00 ======== tp-2015.0506-247481.nefCreate Date: 2015: 05: 06 18: 48: 57.40 .20 ===== === tp-2015.0506-247482.nefCreate Data: 2015: 05: 06 18: 48: 57.70 .30 ======== tp-2015.0506-247483.nefCreate Data: 2015: 05: 06 18:48: 57.90 .20 ======== tp-2015.0506-247484.nefCreate Data: 2015: 05: 06 18: 48: 58.20 .30 ======== tp-2015.0506-247485.nefCreate Date: 2015 : 05: 06 18: 48: 58.50 .30
======== tp-2015.0506-247486.nefCreate Date: 2015: 05: 06 18: 49: 03.40 >>>> 4.80 ======== tp-2015.0506-247487.nefCreate Date: 2015.0506-247487.nef: 06 18: 49: 03.70 .30 ======== tp-2015.0506-247488.nefCreate Data: 2015: 05: 06 18: 49: 03.90 .20 ======== tp-2015.0506-247489 .nefCreate Date: 2015: 05: 06 18: 49: 05.50 1.60 10 file immagine letti  

Sulla base di queste 2 analisi, sembra una schiacciata di cui fanno parte SC 247480 - 247485 la stessa raffica.

Un altro modo è guardare R, G e B normalizzati o allungati per contrasto per 2 immagini adiacenti (ImageMagick lo farà facilmente). Nella stessa sequenza HDR, dovrebbero essere molto più simili di 2 immagini prese a caso. È facile da automatizzare.

One Gotcha! Alcuni software scritti in modo sciatto scelgono casualmente uno "zero frame" tramite algoritmi errati e illogici e si finisce con l'immagine HDR che prende il nome dal ~ 4 ° di 7 immagini. O, peggio ancora, useranno l'unico nome di file logico, il PRIMO nome di file SCount più basso per l'HDR e quindi prenderanno i dati EXIF ​​da uno scatto casuale.

Mantieni una relazione assoluta, inviolabile, 1: 1 tra ShutterCount e SubSecCreateDate. Tenere i colpi raggruppati in una raffica è un livello di difficoltà. Mantenere le raffiche raggruppate all'interno di un PANORAMA è la sfida della contabilità. Alcuni sviluppatori stravaganti cestinano i dati EXIF ​​perché "nessuno guarda mai quella roba" rendendo questa contabilità molto più difficile di quanto dovrebbe essere.

L'unica cura efficace al 100% che ho trovato per il calpestio exif è un trapianto EXIF ​​completo. Uso ImageMagick:

  1) Leggi il NEF originale con i dati EXIF ​​incontaminati2) Leggi il file dastardizzato3) Ritaglia la tela in modo che corrisponda al file della vittima4) Livelli -> Unisci5) Salva  

I dati EXIF ​​provengono dal NEF e la bitmap proviene dal file alterato. Può essere eseguito in modo completamente automatico dal rilevamento alla correzione. Non dimenticare di inviare un brutto programma impreciso allo sviluppatore miscredente ad ogni esecuzione per ricordare loro che qualcuno apprezza queste informazioni.

Un vero database SQL rende la contabilità molto semplice. Crea una buona struttura del tavolo e riporta il tuo progetto in modo che possiamo piratare le parti buone e lampeggiare il resto! ;)

  BB  


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...