Domanda:
Sfarfallio del LED, la tecnologia l'ha eliminato?
Tetsujin
2017-03-07 15:53:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sulla base di questa domanda - due immagini con la stessa impostazione vengono fuori con illuminazione diversa - e le risposte commenti di & ho fatto un rapido test su uno dei miei pannelli a illuminazione continua a LED.

Sono consapevole del potenziale sfarfallio sui LED, come con i fluorescenti, ecc., ma mi sono reso conto di non averlo mai notato quando ho scattato utilizzando solo due di questi pannelli. Sono Excelvan GK-J-1040AS che ammetto di aver appena trovato su eBay nello stesso periodo in cui ho acquistato la mia prima DSLR lo scorso novembre prima di sapere qualcosa sull'argomento, quindi chiamiamola una scelta per principianti abbastanza casuale.

Ho fatto un rapido test su un soggetto illuminato, provando un'esposizione più veloce di & più veloce, per vedere se riuscivo a catturarlo "tra" impulsi ... ma non ci sono riuscito.

Come un prova finale Ho puntato la fotocamera in modo piuttosto scomodo verso la luce & l'ha scattata alla mia esposizione più veloce, 1 / 4000s Il risultato è un po 'sfocato, perché a) c'è un diffusore su di esso & b) era troppo strabico per voler davvero guardare più del necessario.

Tuttavia, il punto saliente è che anche a 1/4000 non riesco a trovare alcun LED scuro o segno che lampeggi affatto, anche con più scatti.

Questa immagine con l'intensità della luce impostata al minimo, ma ho visto gli stessi risultati a varie luminosità, nessun accenno di sfarfallio o "scansione".

Siamo arrivati ​​al punto in cui possiamo avere f completamente dimmerabile [& avevo pagato un extra, temperatura variabile] Pannelli LED, senza alcun tremolio, o almeno sfarfallio che non può essere visto a 1 / 4000s?
O c'è un errore nel mio metodo?

enter image description here

Istogramma dall'immagine

enter image description here

Quali sono i valori R, G, B per le luci? Solo perché appaiono uguali in ogni esposizione non significa che non stiano tremolando. Significa solo che anche al loro più debole possono ancora causare la piena saturazione. Due volte più luminoso, o 200 volte più luminoso sembra esattamente lo stesso se il valore di dimmer è ancora sufficiente per saturare completamente i pixel che coprono.
Ho aggiunto l'istogramma. Testando casualmente intorno all'immagine RAW, vedo picchi generali intorno a 235 -245 [in tutti e 3 RG&B] con i 250 occasionali. Nessuna patch evidente di 255s.
Non è così che funzionano i LED. Quelli con sfarfallio sono azionati da una fonte di alimentazione pulsata per ridurre il carico termico. Non è una legge fisica che i LED debbano essere azionati in modo intermittente.
@CarlWitthoft Nessuno sta dicendo che * devono * tremolare. Stavo solo postulando che * potrebbero * sfarfallare anche se il valore registrato era costante a piena saturazione.
@CarlWitthoft BTW, il calore dissipato dai LED è proporzionale alla corrente media. I LED non si preoccupano davvero se quella corrente è costante o pulsata.
ma sei davvero sicuro di volere un LED senza sfarfallio? tecnicamente non è difficile da implementare, ma la temperatura del colore del LED potrebbe cambiare durante la regolazione della corrente del LED. al contrario, quando si utilizza PWM, il LED vedrà una corrente del 100% o 0 che garantisce la stabilità del colore. potrebbe essere importante in fotografia!
@szulat - in teoria immagino che possa. In pratica, sembrano rimanere piuttosto piatti per tutto il tempo. Poiché il modello più costoso ha un controllo separato della temperatura del colore, mentre questi sono fissati a 56k [il bilanciamento del bianco automatico ipotizza sempre a 55k, che definirei "abbastanza vicino"], forse c'è una sorta di tecnologia di "bilanciamento" nella circuito. Sono totalmente fuori dalla mia profondità su qualsiasi aspetto tecnologico dei LED e ho iniziato a indagare sul mio solo dopo che qualcun altro [domanda collegata] ha avuto un problema di sfarfallio con la loro scatola luminosa.
@DmitryGrigoryev mentre questo è vero, è fuorviante. L'alta corrente produce un'elevata luminosità, che i nostri occhi integrano quindi, fornendo l'illusione di un'elevata luminosità continua ma con una dissipazione di potenza totale inferiore nel LED.
Quelli che sfarfallano peggio di tutti non sono quelli pilotati da PWM (che di solito usa le alte frequenze), ma piuttosto quelli in cui non rettificano completamente la potenza prima di usarla per guidare la lampadina, risultando accesa per 1 / 120esimo di secondo e poi spento per 1/120esimo di secondo (60 cicli al secondo). La temperatura del colore dei LED bianchi è in gran parte determinata dai fosfori, piuttosto che dalle emissioni di gap, quindi la temperatura dovrebbe essere per lo più indipendente dalla tensione, ma YMMV.
Nove risposte:
#1
+18
ths
2017-03-07 16:01:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Si tratta di pannelli LED realizzati appositamente per l'illuminazione di foto o video. Sono specificati come "privi di sfarfallio" e utilizzano CC, quindi non c'è sfarfallio CA e presumo che l'attenuazione non venga eseguita tramite PWM, ma corrente ridotta.

È molto diverso da un semplice e lampada a LED per uso domestico economica, che utilizza un'elettronica molto più semplice e funziona con corrente alternata.

Puoi anche usare PWM molto veloce - 10kHz o più, o al contrario PWM seguito da un filtro passa-basso per riportarti alle spalle allo pseudo-DC.
Scommetto che quei pannelli funzionano anche con AC (sembra che ci sia un cavo di alimentazione incluso nel kit) usando un convertitore AC-DC. La differenza fondamentale è davvero nella parola * economica *: una lampada a LED da $ 2 non può permettersi di avere la stessa elettronica di un pannello luminoso da $ 30.
@DmitryGrigoryev - in effetti sono dotati di adattatori di rete da 19 V CC, oppure funzioneranno con batterie Sony V BP [non fornite]. Non avevo mai capito che fossero DC, fino ad oggi.
Gli alimentatori AC / DC economici @Tetsujin possono ancora avere un'ondulazione di corrente significativa a 60 Hz o frequenze più elevate a seconda del controller di commutazione. A seconda della luce LED, potrebbe o meno avere un proprio alimentatore in grado di rimuovere la variazione, oppure potrebbe introdurne uno proprio. Un alimentatore switching di qualità "a corrente costante" potrebbe commutare da 200 kHz a 2 MHz. Se è necessaria un'illuminazione * assolutamente * costante da un LED (forse per una telecamera ad alta velocità e non si desidera utilizzare un alogeno per qualche motivo), è possibile utilizzare un'alimentazione lineare, ma sono meno efficienti.
Idealmente, dovresti usare qualcosa di più veloce di 30 kHz, perché qualsiasi cosa al di sotto di circa 25 kHz produrrà un suono che può essere udibile, a seconda di quanto sono buone le tue orecchie. Spesso si sceglie 60 kHz perché è ben al di fuori della portata uditiva dei cani (sebbene ancora a malapena nella portata per alcuni gatti). :-)
#2
+13
Peter Green
2017-03-07 20:04:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I LED non creano sfarfallio dal nulla. Sfarfallano solo se la loro corrente di azionamento varia.

Non è davvero una questione di nuova tecnologia. La tecnologia per realizzare driver a corrente costante con un'efficienza ragionevole esiste da molto più tempo rispetto ai LED adatti per scopi di illuminazione.

Il motivo per cui molte luci a LED lampeggiano è perché è più economico costruire i circuiti del driver in questo modo.

I miei preferiti sono le luci di Natale a LED che sono abbastanza sicuro che usano letteralmente i diodi in serie come un ponte a semionda.
#3
+6
Agent_L
2017-03-07 21:53:52 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sfarfallio del LED

Non esiste uno sfarfallio del "LED". Ogni sorgente di luce può sfarfallare (sebbene non tutte possano lampeggiare abbastanza velocemente). Lo sfarfallio viene creato accendendo e spegnendo una fonte di luce, è una proprietà di una fonte di alimentazione, non una fonte di luce. Prendi lo stesso LED, su DC non lampeggerà, su PWM lo farà. Rendi il PWM troppo lento o troppo veloce e sembra che se ne sia andato di nuovo. Lo sfarfallio è una proprietà di una particolare configurazione, non una categoria di luci.

la tecnologia l'ha eliminato?

No, perché dovrebbe? La tecnologia ha introdotto lo sfarfallio (sotto forma di PWM) come modo altamente efficiente di regolazione e misura di risparmio energetico. I LED più vecchi e semplici, regolati da resistori, non hanno mai lampeggiato. Lo sfarfallio è la novità.

Tuttavia, il punto saliente è che anche a 1/4000 non riesco a trovare alcun LED scuro o segno che stia lampeggiando affatto, anche con più scatti.

Questa immagine con l'intensità della luce impostata al minimo, ma ho visto gli stessi risultati a varie luminosità, nessun accenno di sfarfallio o "scansione".

Penso che tu sia confondere lo sfarfallio con la scansione. Se il pannello deve visualizzare un'immagine (ad es. Uno schermo televisivo), la scansione ha senso, perché è necessario indirizzare ogni singolo pixel separatamente. Ma per un pannello di illuminazione tremolante, tutti i LED lampeggerebbero nella stessa fase.

Siamo arrivati ​​al punto in cui possiamo avere pannelli LED completamente dimmerabili, senza alcuno sfarfallio, o almeno sfarfallio che può non si vede a 1 / 4000s? O c'è un errore nel mio metodo?

Abbiamo la tecnologia dal 1843. Si chiama reostato, ma significa molto calore e molto volume per gestire quel calore, quindi non è mai stato pratico. Oggi puoi farlo con il regolatore lineare, ma il problema del calore rimane. D'altra parte, l'elettronica di potenza ad alta velocità è diventata più economica, quindi "lo sfarfallio troppo veloce per essere visibile" è più facilmente realizzabile ora. Ma non è nemmeno una novità. Una frequenza più alta di solito significa perdite maggiori, quindi aspettati che i dimmer più diffusi rimangano appena fuori dalla portata dell'occhio umano, non al di fuori della portata delle telecamere ad alta velocità.

Stai utilizzando pannelli progettati specificamente per la fotografia. Quindi possono essere "privi di sfarfallio" grazie alla regolazione DC con perdita (quindi sono veramente privi di sfarfallio anche se li riprendi con una fotocamera da 1'000'000 FPS), o semplicemente sfarfallando così velocemente che non avrà importanza a una fotografia tipica 1/4000. Una volta ottenuta una fotocamera in grado di ottenere un otturatore 1/1000000, potresti notare di nuovo lo sfarfallio.

Il modo migliore per catturare lo sfarfallio è bloccare l'esposizione, impostare l'otturatore più veloce e fare automaticamente decine di scatti esattamente stessa scena, illuminata solo dalla tua sorgente sospetta impostata al minimo (eri sulla strada giusta qui!). Lo sfarfallio provocherà un'esposizione inconsistente. Un'immagine non significa molto, è la coerenza da immagine a immagine che si perde con lo sfarfallio. (A volte, solo a volte l'otturatore può catturare lo sfarfallio, il che si traduce in strisce orizzontali. Ma la maggior parte dei LED di consumo, specialmente quelli "bianchi", sono troppo lenti per questo, proprio come la lampadina a incandescenza è troppo inerte per sfarfallare a 50-60 Hz .)

I driver di corrente CC dimmerabili non sono necessariamente meno efficienti dal punto di vista energetico del PWM. Il PWM è sicuramente il modo più economico per rendere dimmerabile un driver CC a corrente costante, ma i driver di corrente moderni sono spesso dimmerabili per progettazione e il costo aggiuntivo è spesso annullato dallo sforzo ridotto necessario per ottenere la certificazione FCC.
mi piace la parte della nuova tecnologia che introduce lo sfarfallio, è così che è successo storicamente ;-) ma i regolatori lineari o il PWM ad alta frequenza non sono le uniche due opzioni. ora che sappiamo di averne bisogno, possiamo utilizzare i regolatori di corrente costante in modalità di commutazione per controllare senza problemi la luminosità del led, praticamente senza sfarfallio ed ancora efficiente dal punto di vista energetico.
PWM in questo contesto è ancora DC, quindi quella distinzione non è strettamente accurata ... solo dicendo. ;)
Del resto, a meno che non mi manchi qualcosa, un regolatore a modalità commutata tecnicamente è PWM, solo con il filtro sull'uscita per uniformarlo in DC.
@dgatwood È un po 'troppo semplificato, ma se guardiamo solo al risultato finale (tensione / corrente di uscita) è abbastanza vicino. Introdurre perdite di energia in ferro / avvolgimento / ESR rispetto al PWM puro e la forma d'onda è ancora frastagliata, mai come una batteria.
Un modo perfettamente efficiente ma discreto di regolazione della luminosità è quello di avere molti LED e spegnerli uno per uno.
#4
+1
Dmitry Grigoryev
2017-03-07 23:37:41 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La maggior parte delle volte qualsiasi sfarfallio evidente può essere rintracciato a 50-60 Hz proveniente da AC. Ciò accade quando per alimentare i LED viene utilizzato un cosiddetto alimentatore senza trasformatore, che come si può intuire dal nome è più economico di un alimentatore adeguato che include un trasformatore.

Tuttavia, una volta una lampada a LED è abbastanza decente da eliminare lo sfarfallio a 50-60 Hz, è molto improbabile che sfarfallerà affatto. L'oscuramento PWM potrebbe essere utilizzato nelle varietà più economiche, ma questo di solito significa che anche l'alimentatore sarà economico e vedrai anche lo sfarfallio a 50-60 Hz.

Ovviamente non esiste qualcosa come una corrente costante al 100% e anche buoni driver LED avranno una variazione di un paio di percento (di solito con una frequenza intorno a 50-100 kHz), che produrrà una variazione nella luminosità del LED di intensità e frequenza simili. Questa variazione può essere misurata utilizzando un sensore di luce veloce e un analizzatore di spettro, ma è improbabile che tu possa catturarla con una fotocamera.

Non c'è niente di "improprio" in un alimentatore senza trasformatore ben progettato. In effetti, un buon alimentatore switching può eliminare molto più facilmente lo sfarfallio a 50/60 Hz rispetto a uno che utilizza un trasformatore basato sulla stessa frequenza. Gli alimentatori LF possono sbarazzarsi di quello sfarfallio solo con condensatori abbastanza grossi da alimentare i LED per mezzo ciclo, più uno stadio CCS con perdita, mentre un alimentatore switching richiede solo condensatori ragionevolmente piccoli per attenuare le ondulazioni di commutazione a frequenza molto più alta.
@leftaroundabout Tutti i buoni alimentatori switching che ho visto avevano un trasformatore. Troverai sicuramente un trasformatore in una verruca da muro USB, sia per motivi di efficienza che di sicurezza. Gli alimentatori senza trasformatore sono limitati a dispositivi come lampade a LED economiche che da un lato non hanno bisogno di molta corrente e dall'altro sono completamente a prova di dito, poiché non c'è un trasformatore per isolare il tuo da 120 V o 230 V CA.
Sì, ma la proprietà di disaccoppiamento galvanico dei trasformatori ha poco a che fare con la tendenza allo sfarfallio. Il mio punto è: se un alimentatore ha un trasformatore è ortogonale al fatto che una lampada a LED che lo utilizza lampeggerà: un buon vecchio trafo a 50 Hz con condensatori giganti non lampeggerà, né un alimentatore di commutazione con trasformatore da 100 kHz o qualcosa basato su un trasformatore senza convertitore buck. Un “PSU” che usa semplicemente un triac per mantenere il voltaggio nel giusto range e poi qualche semplice filtraggio dei transienti ovviamente tremolerà molto, ma lo stesso farà un “vero” trafo a 50 Hz con un livellamento insufficiente.
@leftaroundabout Con * alimentatore senza trasformatore * intendo davvero [questo] (https://www.google.com/search?q=transformerless+power+supply&source=lnms&tbm=isch), non uno switcher da 100 kHz o un convertitore buck. È quello che probabilmente troverai nelle luci a LED economiche.
#5
+1
Dithermaster
2017-03-08 04:59:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non una risposta ma aggiungendo conoscenza: per catturare lo sfarfallio del LED, prova a muovere la fotocamera durante la breve esposizione. I LED tremolanti appariranno come linee tratteggiate mentre le sorgenti senza sfarfallio saranno fisse. C'è un'immagine di un LED dello scanner (usando PWM) in questa pagina che mostra cosa intendo: https://www.metabunk.org/dashed-lights-coming-from-the-sky-likely-long-exposure -flash-flickering-lights.t2639 /

Lo proverò domani e riferirò. Ho anche altre luci a LED per uso domestico e industriale in altre parti della casa, tutte su "corrente alternata a 50 Hz" e farò alcuni esperimenti.
OK, ho provato tutti i LED in casa e non riesco a ottenere quell'effetto. Incolperò la mia tecnica prima di ogni altra cosa, ma tutto quello che stavo ottenendo erano strisce più veloci e più veloci .. & vertigini;)
Puoi esercitarti usando solo i tuoi occhi: scansionali avanti e indietro o in cerchio. La nostra macchina per il caffè e alcuni dispositivi elettronici hanno LED lampeggianti che posso vedere in questo modo. Anche le luci posteriori di alcune auto tremolano (alcune più di altre; Cadillac è piuttosto scadente). Inoltre, puoi ancora avere le vertigini in questo modo, quindi fallo solo come passeggero!
#6
+1
JDługosz
2017-03-08 13:43:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho cercato di costruire un pannello utilizzando LED economici montati su nastro.

Per controllare la luminosità, ci sono due modi generali.

Variare la tensione è facile con una manopola manuale , ma spreca energia (pessima se (usando batterie) e genera più calore in quei componenti che devono essere affrontati.

Far lampeggiare il LED a tensione nominale invece è più efficiente. Ma lampeggia. Orologi classici e simili alimenta un segmento alla volta e alcune persone (come me) possono vederlo e si vede nelle foto. Ma ora ci sono chip di controllo della luminosità che sono molto più veloci , e puoi renderlo abbastanza veloce da non apparire nelle tue esposizioni veloci. Puoi controllare su electronics.se i compromessi dell'utilizzo di quelli più veloci: prezzo più alto, componenti aggiuntivi di buona qualità necessari, potenza efficienza di utilizzo?

È anche ragionevole impostare il ciclo di lavoro di ogni riga in modo che sia sfalsato, quindi la luminosità totale (e l'assorbimento di potenza) è costante in modo che non si accorga dello sfarfallio in un scena illuminata con il pannello. Questo sarebbe, suppongo, più "morbido" del semplice spegnimento di alcuni LED e richiederebbe meno linee separate per la stessa quantità di controllo.

È anche possibile produrre una tensione inferiore in modo efficiente adesso. Si noti che le "verruche da muro" contenenti i trasformatori sono quasi estinte, essendo state sostituite da minuscoli alimentatori switching. Questo potrebbe non essere così buono per un pannello potente, ma nota che esistono alimentatori variabili.

#7
+1
ArchimedesMP
2017-03-08 23:29:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come hai già capito, i tuoi LED funzionano con una tensione CC. Se viene fornita da una batteria, non avrai assolutamente alcuno sfarfallio, ma se sono alimentati da un convertitore CA-CC, potresti scoprire che il prodotto La tensione CC non è perfetta. Di solito, c'è un piccolo ripple . Cioè, piccoli "avanzi" della tensione CA originale.

Cioè, in teoria è lì. In pratica, ci sono alcune differenze:

Per ridurre questa ondulazione, il tuo convertitore AC-DC contiene alcuni condensatori. Memorizzano energia per colmare la parte ascendente / discendente dell'onda CA rettificata. Per alcune applicazioni il ripple dovrebbe essere minimo, nell'intervallo mV (ad esempio nell'alimentatore di un computer) .Inoltre, il normale sfarfallio CA è a 50 Hz (cioè 50 volte al secondo, per coloro che sono più giovani o semplicemente non molto interessati alla fisica) .Un'ondulazione di un alimentatore switching è all'incirca alla sua frequenza di commutazione. Per uno economico, si tratta di circa 100 kHz = 100.000 volte al secondo.

Un produttore economico probabilmente risparmierà denaro utilizzando condensatori troppo piccoli, con conseguente grande ondulazione.

la cosa buona è che i LED possono resistere anche a forti ondulazioni. Finché la tensione di picco non è superiore alle loro specifiche, lampeggiano solo alla frequenza di ondulazione. E anche se l'ondulazione è davvero enorme, quello sfarfallio sarà difficile da catturare dalla fotocamera: la luminosità di un LED è una funzione non lineare della tensione applicata (maggiore è la tensione, meno efficiente) e il sensore della fotocamera non è -lineare, anche.

Non posso fornire una stima affidabile, ma un'ipotesi folle: anche un assolutamente schifoso alimentatore switching da 19 V CA-CC economico con 1 V di ondulazione a 50 kHz dovrebbe produrre una tensione continua sufficiente per la fotografia. Ad esempio, le probabilità sono molto inferiori a 1: 100.000 che tu possa scattare una foto con una luce leggermente più debole (<1%).

E suppongo che il tuo normale convertitore AC-DC sia più vicino a 0,1 V di ondulazione a 120 kHz, riducendo le probabilità di molto di più, anche per obiettivi in ​​movimento / sorgenti luminose.

(Per fornire alcune relazioni: Una volta ho misurato il mio [costoso] alimentatore del computer con un oscilloscopio professionale, e anche sotto carico massimo l'ondulazione era molto inferiore a 0,05 V a oltre 240 kHz.

Dichiarazione di non responsabilità: non sono né un fotografo professionista né un ingegnere elettrico. E le tue luci stanno benissimo! :)

Grazie. Capisco Hz [sono un ingegnere del suono] e raddrizzatori / "trasformatori" a commutazione [in senso molto ampio] ma questo è legato ad alcune parti che non conoscevo. La principale rivelazione iniziale, come suggerisci, è stata che gestiscono DC, cosa che semplicemente non avevo detto. Il resto ora va bene a posto.
Prego. btw: I motivi principali per l'alta freq. le cose che cambiano sono così ampiamente utilizzate oggi non sono i bei effetti per la fotografia. Maggiore è la frequenza di commutazione, minore è il metallo necessario nel trasformatore => più economico ottengono. Ma gli SMPS tendono a "trasmettere" il rumore nella gamma della frequenza di commutazione + armoniche. Buono per l'audio (> 100kHz), cattivo per alcune bande di trasmissione radio se non filtrate in modo decente (parola chiave google: EMV e PFC);)
tbh, sono arrivato alle poche conoscenze che ho sugli alimentatori in modalità switch a causa della miriade di "il mio laptop formicola quando lo tocco" domande su SE e su interwebz in generale, e ho approfondito leggermente per provare a sfatare alcune delle "cose ​​necessarie per collegarlo a una presa [con messa a terra] "* badvice * che lo accompagna.
Ho scelto questa come risposta accettata in quanto concatena le informazioni salienti già contenute nelle altre risposte altrettanto buone e le presenta in una forma 'facile da digerire' per qualcuno come me che comprende elementi di elettronica ma non possiede una conoscenza dettagliata .
#8
+1
bobflux
2017-03-09 01:41:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il controllo dello sfarfallio dei LED è facile.

È possibile utilizzare un semplice dispositivo elettronico di misurazione della luce. Ne inventerò subito uno per te:

  • Acquista una piccola cella solare. Questo converte l'illuminazione in tensione.
  • Metti un condensatore in serie (come 10µF).
  • Collegalo all'ingresso audio del tuo smartphone
  • Installa un audio applicazione dell'oscilloscopio che ti consentirà di visualizzare la forma d'onda.

Questo dovrebbe essere abbastanza economico. Ora ci sono altre soluzioni. Ad esempio, questa torcia ha un dimmer PWM:

PWM flashlight

Agitando rapidamente la torcia (come mostrato in figura) il PWM lampeggerà MOLTO visibile a occhio nudo (o alla fotocamera).

Se la luce è troppo grande perché ciò sia pratico, puoi attaccare un foglio opaco davanti con un piccolo foro e scansionare rapidamente gli occhi a sinistra per giusto. Oppure utilizza la modalità fotocamera del tuo smartphone e muovi il telefono per creare un effetto mosso.

Se la luce è costante, verrà sfocata in una linea. Se lampeggia, la linea sarà tratteggiata.

Quindi, quando acquisti le luci, se puoi provarle in negozio, tira fuori il cellulare e fai il test!

Un po ' dell'elettronica:

La regolazione PWM è il modo più semplice (ovvero, più economico) per attenuare un LED.

  • Tuttavia, lampeggia
  • È accurato (in media).
  • Aumenta l'efficienza del driver di commutazione (perché funziona sempre al suo punto di massima efficienza)
  • Diminuisce l'efficienza del LED (perché l'efficienza del LED in lm / W diminuisce all'aumentare correnti)
  • Nel complesso, è meno efficiente del corretto dimming analogico
  • Mantiene costante la temperatura del colore (questo dipende anche leggermente dalla corrente)

Puoi modificare una luce LED tremolante aggiungendo condensatori e resistenze, ma non tentare di hackerare apparecchiature alimentate dalla rete (e / o costose) se non hai idea di come funzionino ...

Ora , per rispondere alla domanda:

Siamo arrivati ​​al punto in cui possiamo avere pannelli LED completamente dimmerabili, senza sfarfallio

Sì, è fattibile, anche se un po 'più costoso. Ai produttori non piacciono i costi aggiuntivi ed è per questo che spiego come controllare.

Tieni presente che la temperatura del colore varierà leggermente a seconda dell'emissione luminosa, a meno che ...

[& avevo pagato un extra, temperatura variabile]

Sì, tuttavia questo sarà probabilmente fatto con diversi tipi di LED bianchi (ciascuno dimmerabile), quindi il diffusore dovrà essere buono sufficiente per garantire l'assenza di ombre colorate.

Questo tipo di pannello potrebbe compensare la deriva del colore del LED rispetto alla corrente e alla temperatura tramite la calibrazione del software, SE il produttore lo implementa.

Inoltre, poiché LED diversi hanno spettri e CRI diversi, non c'è modo di garantire che due diversi modelli di pannello abbiano la stessa resa cromatica. Anche se hanno la stessa temperatura di colore, i loro spettri potrebbero differire.

Dato che solo i fotografi sono interessati a questo, aspettati di pagare il premio per l'attrezzatura fotografica ...

Bella spiegazione, ma non risponde alla domanda
Ok, ho aggiunto una modifica;)
#9
  0
wsanders
2017-03-08 00:09:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sorgenti di luce LED di alta qualità "tremolano" nelle decine di kHz o frequenze superiori, quindi lo sfarfallio non sarà rilevabile a meno che non si stia effettuando fotografie ad alta velocità.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...