Domanda:
I filtri economici hanno un effetto sulla qualità dell'immagine?
Arkadi
2017-02-23 17:41:36 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I filtri per obiettivi economici (UV, ND, CPL) influenzano la qualità dell'immagine, la riproduzione dei colori, la nitidezza, ecc.? Offrono davvero protezione?

Possibile duplicato di [Ci sono svantaggi nell'usare un filtro UV di buona qualità?] (Http://photo.stackexchange.com/questions/57/are-there-any-downsides-to-using-a-good-quality -uv-filtro)
La domanda collegata come possibile duplicato parla di filtri "di buona qualità" piuttosto che di quelli economici, ma poiché la risposta è "sì", rende questo un sottoinsieme.
Vedere anche [È necessario / consigliato un filtro UV per la protezione dell'obiettivo?] (Http://photo.stackexchange.com/questions/17854/is-a-uv-filter-required-recommended-for-lens-protection)
Cinque risposte:
#1
+10
Caleb
2017-02-23 20:44:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I filtri per obiettivi economici (UV, ND, CPL) influenzano la qualità dell'immagine, la riproduzione del colore, la nitidezza e così via? influenzare la qualità dell'immagine in un modo o nell'altro. Alcuni effetti sono desiderabili e questi sono di solito la ragione per cui si utilizza un filtro in primo luogo, mentre altri sono indesiderabili. I filtri economici sono generalmente costruiti secondo uno standard di qualità inferiore rispetto a quelli più costosi e quindi spesso hanno effetti più indesiderati. È più probabile che i filtri di bassa qualità causino problemi come riflesso dell'obiettivo, distorsione, dominante di colore indesiderata e vignettatura. I filtri migliori sono più costosi perché le funzionalità che aiutano a evitare questi problemi si aggiungono al costo di produzione. Ad esempio, il rivestimento multiplo di entrambi i lati di un filtro aggiunge una serie di passaggi e richiede attrezzature e materiali aggiuntivi.

E i filtri UV economici fanno davvero un lavoro di protezione?

Sì. La protezione fisica dell'elemento anteriore di un obiettivo è l'altro motivo per cui le persone in genere aggiungono un filtro al proprio obiettivo. Sicuramente funziona: con un pezzo di vetro davanti all'obiettivo, l'elemento frontale è protetto da sporco, polvere, umidità, impronte digitali, ecc.

C'è un piccolo compromesso qui, però: tu non vuoi spendere molti soldi per qualcosa che intende sacrificare se stesso per salvare l'obiettivo, ma non vuoi nemmeno mettere qualcosa davanti all'obiettivo che influenzerà negativamente le foto che stai scattando. Non c'è una risposta giusta; nella scelta se utilizzare un filtro protettivo, è necessario considerare cose come il costo dell'obiettivo, il costo per riparare eventuali danni all'obiettivo, il budget, l'ambiente in cui si utilizza la fotocamera e il lato negativo di qualsiasi filtro che stai considerando.

Mi piace chiamarla "armatura ablativa" :)
"problemi come il riflesso dell'obiettivo" dovrebbero essere "problemi come il riflesso * indesiderato * dell'obiettivo". A volte si desidera il riflesso dell'obiettivo, soprattutto se il tuo nome è [JJ] (http://static2.businessinsider.com/image/56521384dd089515058b45bd-1435-597/lens-flare-star-trek.jpg) [Abrams] (http: / /img.pandawhale.com/105640-JJ-Abrams-lens-flare-meme-Imgu-Gs5u.jpeg).
@Pharap Non discuto che a volte il riflesso dell'obiettivo sia intenzionale, il significato qui è abbastanza chiaro. Potresti fare lo stesso argomento su qualsiasi problema ottico. Probabilmente c'è anche qualcuno là fuori che fa un uso creativo dell'aberrazione cromatica, ma non ci preoccupiamo di dire "* aberrazione cromatica indesiderata *".
#2
+2
Tindra
2017-02-23 19:41:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mi rendo conto di aver perso la parte "Economica" della domanda, SCUSA! Spero comunque che la mia risposta possa essere utile a qualcuno.

Sì. (Per protezione).

Non graffierai la tua lente così facilmente con un filtro UV, tuttavia, anche un paraluce fa questo lavoro davvero bene. Tengo sempre il filtro UV sul mio obiettivo 17-40 mm f / 4L, perché questo è l'obiettivo che preferisco quando scatto foto vicino all'oceano o in altri luoghi in cui il sale o lo sporco potrebbero volare.

Inoltre, se il corpo della fotocamera e l'obiettivo sono resistenti alle intemperie, un filtro UV o un filtro di qualsiasi tipo è l'ultimo passaggio per sigillare completamente la tua attrezzatura!

Non noto il filtro sulle mie foto, ma ne uso uno "più costoso", il B + W 77mm per circa 110 $. Credo che il modo di pensare qui sia, non mettere un filtro economico su un obiettivo costoso. Ad esempio, non metterei un filtro UV sul mio 50mm f / 1.8, perché potrei anche comprare un altro obiettivo se si danneggia.

Quindi, dal mio punto di vista, preferisco avere un bel filtro UV sul mio obiettivo ed essere in grado di scattare in ambienti più difficili piuttosto che dover stare più attento e perdere una grande opportunità.

#3
+2
Michael C
2017-02-24 02:28:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I filtri per obiettivi economici (UV, ND, CPL) influenzano la qualità dell'immagine, la riproduzione del colore, la nitidezza, ecc. ?

Tutti i filtri dell'obiettivo influenzano la qualità dell'immagine, la riproduzione del colore, l'acutezza, ecc. in un modo o nell'altro. Quelli economici di solito li influenzano in grado maggiore rispetto ai filtri migliori. A volte in misura molto maggiore. A volte un filtro economico può effettivamente danneggiare il tuo obiettivo costoso solo attivandolo. Le superfici piatte dei filtri possono anche causare riflessi evidenti nelle immagini acquisite. Ciò è esacerbato dalla maggiore riflettanza della pila di filtri davanti ai sensori digitali rispetto alla pellicola. Per una situazione di ripresa in cui un filtro piatto quasi certamente causerà problemi, vedi Che tipo di filtro (se esiste) dovrei usare quando fotografo una scena di teatro?

Offrono davvero protezione?

Sia sì che no.

Offrono protezione da alcune specifiche preoccupazioni ambientali. Se stai scattando nei seguenti tipi di condizioni un filtro può aiutare a proteggere l'obiettivo da danni:

  • Sabbia o polvere soffiata dal vento. Esporre il vetro dell'obiettivo a una forte tempesta di sabbia può rovinarlo in pochi minuti.
  • Vapore o spruzzi d'acqua, in particolare spruzzi d'acqua salata che sono molto corrosivi per i materiali all'interno dell'obiettivo e della fotocamera.
  • Ambienti di produzione che implicano molatura, determinati tipi di saldatura, metallo fuso o qualsiasi altro processo che si traduce in proiettili molto caldi e molto piccoli che potrebbero colpire la superficie anteriore dell'obiettivo.

Alcuni obiettivi sono classificati come "resistenti agli agenti atmosferici" o "impermeabili agli agenti atmosferici". Alcuni di questi obiettivi richiedono specificamente un filtro protettivo per completare la sigillatura (ad esempio EF 17-40 mm f / 4). Altre lenti non hanno bisogno del filtro perché la parte anteriore è già sigillata. Si tratta di solito di obiettivi con messa a fuoco interna in cui l'elemento anteriore dell'obiettivo non si muove rispetto al barilotto dell'obiettivo anteriore (ad esempio EF 70-200mm f / 2.8 L IS II).

Nelle condizioni più estreme, come le particelle molto fini incontrate dalle "bombe colorate" in un evento di corsa a colori o in altri tipi di celebrazione che le utilizzano, anche i filtri non offriranno molta protezione e dovranno essere prese misure più estreme. Vedi, ad esempio, Come proteggere la fotocamera e gli obiettivi dalle "bombe colorate"?

L'utilizzo della fotocamera non protetta in un ambiente con polvere alcalina come l'area utilizzata per "Burning Man" può rovina l'intera fotocamera, non solo un obiettivo. La polvere che penetra all'interno della fotocamera distruggerà le parti mobili che si trovano negli specchietti e negli otturatori. Anche le fotocamere ben sigillate necessitano di pulizia approfondita.

Ciò che i filtri in realtà non fanno è proteggere un obiettivo quando cade o urta un altro oggetto. Un paraluce ben fatto è una protezione molto migliore in questo senso e non impone alcun degrado ottico.

  • Solo perché un filtro piatto e sottile si frantuma per un impatto non significa che l'elemento anteriore del la lente sarebbe andata in frantumi in assenza del filtro. Gli elementi delle lenti sono molto più spessi, realizzati con materiali più duri e densi e spesso sagomati in modo da aiutare a trasferire l'energia assorbita in un impatto al barilotto dell'obiettivo. I filtri sono sottili e fragili e si graffiano o si frantumano più facilmente del vetro ottico utilizzato per la maggior parte degli elementi delle lenti frontali.

Non mi credete? Guarda questo video in cui vari impatti su un obiettivo non provocano graffi visibili. Ci vuole un colpo molto duro con l'estremità affilata di un martello direttamente sul vetro dell'obiettivo per lasciare segni visibili!

  • Quando un filtro si frantuma, può aumentare la probabilità e il numero di graffi sull'elemento anteriore dell'obiettivo. Tutti quei frammenti e frammenti di filtro diventano lame in miniatura e granelli di sabbia, che possono essere macinati contro l'elemento anteriore dell'obiettivo e graffiandolo. Per ulteriori informazioni, vedere Come pulire il vetro del filtro UV in frantumi dall'obiettivo?

  • Il danno più probabile a una lente da un forte impatto è al allineamento interno degli elementi ottici. Un filtro non fa nulla per ridurre lo shock di un impatto che colpisce l'anello del filtro o qualsiasi parte della lente stessa. In alcuni casi un impatto può deformare il metallo morbido dell'anello del filtro e rendere difficile o impossibile la rimozione del filtro senza danneggiare ulteriormente i fili del filtro sulla parte anteriore dell'obiettivo.

Decidere se o non utilizzare un filtro come misura protettiva dovrebbe tenere conto di molti fattori:

  • Il rapporto costi / benefici dell'utilizzo di un filtro. Il costo di un filtro di qualità è superiore al costo di un obiettivo economico o al costo di una sostituzione dell'elemento anteriore? In tal caso sarebbe più economico riparare o sostituire l'obiettivo che sostituire il filtro! Il fattore costo / beneficio deve essere attentamente ponderato individualmente per ogni obiettivo in questione.
  • Condizioni ambientali (vedi sopra).
  • Il minimo o addirittura non effetto rilevabile di piccoli graffi sull'elemento anteriore sulle prestazioni ottiche. Idem per le normali quantità di polvere in un obiettivo.
  • Il costo dell'utilizzo di un filtro in termini di qualità dell'immagine ottica.
  • La disponibilità di altra protezione che può aumentare la qualità dell'immagine ottica anziché diminuirla e fornisce maggiore protezione da determinati tipi di impatto. Si chiamano paraluce.
Questa è la risposta migliore e dovrebbe essere votata.
Grazie per il voto di fiducia, Mike! Tuttavia, è troppo equilibrato in mezzo alla strada per ottenere molti voti. Chi pensa che i filtri UV siano una protezione necessaria contro l'apocalisse delle lenti ogni volta che escono a scattare, lo leggono come anti-filtro. Chi pensa che i filtri UV * siano * l'apocalisse delle lenti lo leggono come un pro-filtro. E chi vuole leggere link informativi su tutti i lati della questione quando potrebbe costringerli a ... ansimare! ... modificare la loro opinione?
#4
  0
Count Iblis
2017-02-24 06:04:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I filtri UV possono essere utili per proteggere l'obiettivo dalla condensa. Puoi scattare foto con il filtro UV rimosso, non vuoi che appaiano artefatti di riflessione. Quando hai finito puoi soffiare via la polvere dall'obiettivo usando il tuo soffiatore a razzo, riavvitare il filtro, mettere il copriobiettivo e mettere la fotocamera nella borsa della fotocamera e mettere tutto in una grande borsa ermetica che puoi chiudere. In questo modo avrai intrappolato diversi strati di aria fredda e secca. Il ritorno a casa dovresti aspettare diverse ore fino a quando la fotocamera non ha raggiunto la temperatura ambiente prima di disimballare la fotocamera.

Se fossi tornato a casa con la fotocamera appesa al collo con solo l'obiettivo tappo, sulla lente sarebbe apparsa molta condensa. Alcuni di questi possono entrare nel corpo della fotocamera, ma anche se rimangono tutti sull'obiettivo, causeranno problemi dovuti al fatto che le particelle di polvere si attaccano all'obiettivo quando la condensa si asciuga (alcune particelle di polvere conterranno sali che si dissolveranno in acqua, quando che l'acqua sia evaporata le particelle di polvere si attaccheranno alla lente). Inoltre, nel tempo, si accumulano depositi di grasso sulle lenti.

Ciò significa che un lanciarazzi non sarà in grado di rimuovere tante particelle di polvere rispetto a quando il filtro UV è montato per la maggior parte del tempo. Ciò renderebbe necessario rimuovere la polvere con un panno in microfibra molto più spesso, e ogni volta che lo fai c'è il rischio di graffiare l'obiettivo (alcune particelle di polvere potrebbero essere abrasive).

Oh no! Ho obiettivi che uso senza filtro da oltre dieci anni. Come posso verificare la presenza di depositi di grasso sulle lenti?
#5
-1
Alan Marcus
2017-02-23 21:06:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In un mondo perfetto, le nostre fotocamere produrrebbero un'immagine fedele del mondo esterno. In realtà ogni lente presenta aberrazioni non corrette che distorcono. Esistono sette aberrazioni, di cui cinque monocromatiche:

  1. Sferica
  2. Coma
  3. Astigmatismo
  4. Curvatura di campo
  5. Distorsione a due aberrazioni cromatiche
  6. Longitudinale
  7. Trasversale.

Ancora una volta, tutte le lenti soffrono di aberrazioni residue non corrette.

Per mitigare le sette aberrazioni, i produttori di lenti giocano con la forma (figura) e il materiale di costruzione. Il risultato finale è una serie composta di lenti, ciascuna con una potenza diversa, alcune con vetro denso e altre con vetro meno denso.

Ogni elemento della serie di lenti ha due superfici lucide. Alcuni elementi sono spaziati in aria, altri sono cementati insieme. Non importa quanto sia distanziata, ogni superficie riflette parte dell'immagine formando raggi di luce. Questi riflessi indesiderati riducono la brillantezza dell'immagine proiettata. La perdita per superficie si traduce in ogni elemento che passa circa il 92% della luce. La perdita accumulata è quasi il 50%. Peggio ancora, gran parte di questa luce diffusa sarà riflessa dalle giunzioni lente-lente. Il risultato finale è che la pellicola o il sensore vengono bagnati da questa luce diffusa e il risultato è un bagliore. Flare è devastante; priva le nostre immagini di contrasto.

Per mitigare la perdita di luce attraverso le giunzioni tra superficie e superficie, le lenti sono dotate di un sottile strato minerale. Il mantello deve essere spesso ¼ di lunghezza d'onda. Inoltre, una mano è ottimizzata per un solo colore. Una lente moderna ha più strati. Una lente rivestita passa meglio del 98% della luce.

Aggiungete un filtro: state aggiungendo altre due superfici lucide che inducono ulteriori riflessi e aggiungono bagliori. Ora l'obiettivo tipico ha una figura curva. Il filtro è piatto e le due superfici sono parallele. È un dato di fatto che un flat ottico è molto difficile da realizzare. La conclusione è che non dovresti mai aggiungere un filtro a meno che il vantaggio non superi il danno.

Il montaggio di un filtro UV è utile quando si effettuano fotografie aeree e si riprendono paesaggi distanti. Un filtro UV non ha valore quando si fa la fotografia generale. Inoltre, il moderno sensore della fotocamera digitale è altamente sensibile alla luce UV. Per mitigare, il produttore della fotocamera aggiunge il filtro UV al vetro di copertura protettivo del sensore. Quindi un filtro UV aggiuntivo è ridondante. Il filtro UV protegge principalmente le nostre preziose lenti dai graffi. Serve anche per riempire le tasche delle attività di accessori per fotocamere.

In che modo un filtro UV fornisce vantaggi per la fotografia aerea o per i paesaggi lontani che non sono già forniti dal filtro UV nella pila di sensori della stragrande maggioranza delle fotocamere digitali?
@ Mr. Clark - Come sapete, il vetro ordinario blocca i raggi UV e le lenti sono di vetro, inoltre il rivestimento delle lenti limita la trasmissione dei raggi UV. Inoltre il vetro di copertura sopra il sensore limita i raggi UV. Ad ogni modo, il tipico sensore digitale ha abbassato la sensibilità ai raggi UV rispetto alla pellicola fotografica. Non ho visto nessuno studio che mi dica che un filtro UV è utile se montato su una fotocamera digitale. Cosa ne pensi?
La frase principale del tuo paragrafo finale implica fortemente che stai mantenendo una tale posizione.
L'UV è suddiviso in A onda lunga, B onda media e C onda corta. Ad altitudini elevate, B e C sono prevalenti. Le particelle di acqua / ghiaccio variano di dimensioni,> 1000 Mu, i colpi di fotoni vengono assorbiti. I colpi più piccoli provocano la vibrazione e la luce viene riemessa. Particelle di dimensioni diverse inducono profonde differenze nel colore della riammissione. Diversi filtri sono disponibili e consigliati per il lavoro aereo. Uno Sky Light è un filtro riscaldante che riduce l'azzurro mentre assorbe i raggi UV. Le circostanze impongono diversi filtri attenuanti. Dico che montare un UV quando si fa l'antenna è un buon consiglio.
Il leggero cambiamento di colore ottenuto con un lucernario può essere replicato semplicemente cambiando i moltiplicatori R e B durante la demosaicizzazione dei file digitali. Ecco come vengono impostati la temperatura del colore e il bilanciamento del bianco.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...