Domanda:
In che modo il fattore di ritaglio influisce sulla prospettiva?
petehallw
2018-04-04 00:21:05 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho una domanda sul fattore di ritaglio e su come influisce sulla prospettiva.

Supponi di avere una fotocamera Super 35 e una fotocamera APS-C. Per quanto ho capito, per fotografare la stessa immagine sulla fotocamera APS-C come sulla fotocamera Super 35, è necessario utilizzare un obiettivo più ampio, con la lunghezza focale necessaria determinata dal fattore di ritaglio. L'uso di un obiettivo più ampio, tuttavia, influirebbe sul modo in cui viene percepita la profondità, ad es. gli oggetti sullo sfondo appaiono più lontani rispetto a quando si utilizza un obiettivo più lungo. Pertanto, questo non risulterebbe nella "stessa" immagine. È corretto?

Un'alternativa sarebbe quindi allontanarsi dal soggetto e utilizzare la stessa lunghezza focale. Presumo che questo catturi lo stesso campo visivo, ma avrebbe un effetto sulla prospettiva? Cioè gli oggetti sullo sfondo avrebbero le stesse dimensioni di quelli fotografati su una fotocamera Super 35? Come possiamo garantire che venga acquisita un'immagine equivalente, sia in termini di campo visivo che di prospettiva?

@MikeSowsun Hai assolutamente ragione. Nella mia ignoranza lo stavo confrontando con le dimensioni del sensore della fotocamera FF. Avrei dovuto usare l'esempio di ad es. Super 35 contro APS-C.
Non sono d'accordo sul fatto che sia uno stupido: questa è la prospettiva, non DoF. Il duplicato copre * un sacco * di matematica su DoF - più che sufficiente per farmi velare gli occhi - ma non menziona la prospettiva.
Vedi anche [I sensori di ritaglio sugli SLR cambiano anche la profondità e la planarità degli oggetti?] (Https://photo.stackexchange.com/questions/39191/do-crop-sensors-on-slrs-changes-the-depth -e-piattezza-anche-degli-oggetti)
Inoltre, [La dimensione del sensore influisce sulla distorsione dell'obiettivo?] (Https://photo.stackexchange.com/questions/26484/does-sensor-size-affect-lens-distortion)
Possibile duplicato di [Il grandangolo equivalente nel sensore di ritaglio inclina l'immagine?] (Https://photo.stackexchange.com/questions/48337/does-wide-angle-equivalent-in-crop-sensor-skew-image)
Sei risposte:
#1
+15
Tetsujin
2018-04-04 15:06:02 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Quando ho iniziato a fotografare, questo mi ci è voluto molto tempo per capirlo, perché le persone tendono a spiegarlo con un sacco di matematica, o in un modo che abbia senso una volta che hai già capito il principio ma non prima.

In che modo il fattore di ritaglio influisce sulla prospettiva?

Non è così.

Niente affatto, minimamente.
L'unico modo per cambiare prospettiva è spostare la fotocamera.
La modifica del corpo o dell'obiettivo non ha alcun effetto sulla prospettiva.
Ciò che influisce è solo quanta parte dell'immagine complessiva puoi vedere attraverso il mirino.

È stato un tale successo l'ultima volta che è apparso, lo riporto qui per un bis.
L'orso giocattolo ... & la libreria

Ho imbrogliato facendoli in modo che non si sovrappongano perfettamente; Ho usato un obiettivo zoom, abbinato dall'occhio nel mirino & successivamente ritagliato per adattarlo al meglio possibile: chiamalo licenza artistica solo per dimostrare rapidamente un punto;)
Fai clic su qualsiasi immagine per una versione più grande.

Ecco il nostro eroe su una fotocamera crop frame con un obiettivo da 85 mm

enter image description here

Senza cambiare affatto la posizione della fotocamera, scambia dalla fotocamera ma non dall'obiettivo.
85 mm a pieno formato

enter image description here

OK, sembra completamente diverso, ma non lo è un cambio di prospettiva, puoi semplicemente vedere di più perché il sensore è più grande.

Dimostralo sovrapponendo un'immagine all'altra ...

enter image description here

Anche in questo caso senza muovere la fotocamera, passa a un 120 mm [circa] sulla fotocamera FF. Vedrai un'immagine identica al nostro primo scatto, ad eccezione della differenza di profondità di campo, che sarà leggermente più bassa. La prospettiva dell'inquadratura di & sarà identica.

Sovrapposizione scurita per mostrare l'immagine inserita da 120 mm sopra la nostra immagine da 85 mm dall'alto: è difficile da dire, ma questa non è una sovrapposizione perfetta dall'immagine precedente, probabilmente a causa della natura molto approssimativa del mio metodo così come il cambio DOF.

enter image description here

Quindi, per completare l'esperimento, torna all'obiettivo da 85 mm sull'FF .
Ora possiamo spostare la telecamera fino a quando non ri-inquadriamo l'orso come era nella ripresa "eroe" dall'inizio.

enter image description here

Ora abbiamo cambiato prospettiva, spostando la fotocamera.
Anche se abbiamo ri-inquadrato per abbinare l'orso nel nostro scatto originale, l'orso si sovrapporrà quasi perfettamente al primo scatto , ad eccezione del cambio di prospettiva: lo sfondo ora è completamente diverso.

Buona spiegazione! In attesa della parte 3 di * L'orso e la libreria *. : D
#2
+6
WayneF
2018-04-04 00:42:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non corretto. La prospettiva (riferita alle dimensioni e alla spaziatura degli oggetti sullo sfondo rispetto al soggetto) è determinata solo dalla distanza della fotocamera dal soggetto. Questa è la geometria disegnata dalla posizione della telecamera, indipendentemente dai dettagli della telecamera.

Un'altra lunghezza focale o un'altra dimensione di ritaglio della fotocamera (e il successivo ingrandimento a una dimensione equivalente) possono "ingrandire le dimensioni di tutto ciò che si vede", ma possono solo vedere la stessa vista con la stessa prospettiva se ci si trova nella stessa posizione alla stessa distanza . Pensare solo un secondo concluderà che questo è ovvio. Non possiamo vedere due diversi punti di vista dalla stessa posizione. La prospettiva dipende solo da dove ci troviamo per vederla.

Immaginiamo che le lenti lunghe comprimano la distanza, se cambiamo anche dove ci troviamo, per stare molto indietro, a una distanza diversa. Ma se ci si trova nello stesso punto, l'ingrandimento di un'immagine da una lunghezza focale più corta può necessariamente vedere solo la stessa vista esatta dalla stessa posizione. Quella vista è tutto ciò che può essere visto da quell'unico punto.

Rispetto al soggetto, stare in un punto con un obiettivo, rispetto a tre volte più indietro con un obiettivo 3 volte più lungo, vedranno entrambi lo stesso vista soggetto e campo (in corrispondenza del soggetto). La chiamiamo vista Equivalente (parlando del soggetto e della sua distanza e della sua area di campo alla sua distanza). Tuttavia, lo sfondo più distante visto dipenderà da dove si trova la telecamera. Stare più indietro con un obiettivo più lungo vedrà meno sfondo, anche se la vista è lo stesso campo del soggetto. Questa è una proprietà molto preziosa da conoscere per i ritratti in esterni, per ritagliare e ridurre al minimo gli sfondi che distraggono (fornisce anche un po 'più di profondità di campo alla distanza del soggetto).

Ripetendo, la prospettiva dipende solo dalla distanza della telecamera, cioè dipende da dove ti trovi per vederla.

Grazie per una risposta ben spiegata. Solo per essere sicuro di aver capito, questo significa che il Super35 con una lunghezza focale più ampia catturerà davvero esattamente la stessa immagine, prospettiva e tutto? (A parte forse le differenze di rumore o DoF)
@MikeSowsun Ciò contraddice la risposta di WayneF che dice "La prospettiva è determinata solo dalla distanza della telecamera dal soggetto". Questa risposta è effettivamente sbagliata?
Scusa, sì, ma è la fotocamera APS-C che ha bisogno di un obiettivo più ampio. Finché l'obiettivo più ampio consente di comporre la stessa immagine dalla stessa distanza, la prospettiva e l'immagine complessiva saranno le stesse.
È probabile che telecamere diverse non vedano la stessa "immagine", ma vedranno la stessa prospettiva se si trovano nello stesso punto. Se per "inquadratura" intendi anche cambiare dove ti trovi, allora cambia la prospettiva (vista da dove ti trovi). Ma se ti trovi nello stesso punto, le due foto che puoi scattare lì (con fotocamere diverse) e in qualsiasi modo vengano manipolate (ritagliate, ingrandite, qualunque cosa) in un editor, vedranno necessariamente la stessa prospettiva. Perché semplicemente non possiamo vedere due prospettive se ci troviamo nello stesso posto. Possiamo vedere solo quello che vediamo lì.
Un altro modo: supponi di avere un'immagine in un editor. Ingrandisci in modo che il soggetto sia 2x più grande e, naturalmente, quel fotogramma è necessariamente ritagliato per essere 1/2 larghezza e altezza. La prospettiva è ovviamente la stessa, perché dopotutto è la stessa immagine vista dalla stessa posizione della telecamera. Ma (ignorando un numero di pixel inferiore), questa immagine ingrandita e ritagliata sembra esattamente uguale a se avessi scattato un'altra immagine dalla stessa posizione, ma con un obiettivo 2x più lungo. Lo zoom è lo zoom. Questo è anche lo stesso di quello che vede un sensore ritagliato con un fattore di ritaglio 2x, è semplicemente una vista ritagliata, quindi ingrandita di due volte in più.
#3
+1
x-terminate
2018-09-22 07:26:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink
  1. La prospettiva è la dimensione degli oggetti nell'immagine in relazione l'uno con l'altro - è determinata dalla loro distanza dalla fotocamera e l'uno dall'altro nella scena.

  2. La composizione è la totalità dei contenuti dell'immagine, la posizione degli oggetti e le loro dimensioni rispetto alla dimensione dell'immagine , alcuni includono anche la prospettiva come un sottoinsieme di composizione.

  3. La lunghezza focale è una proprietà geometrica / ottica di una lente, misurata in unità di distanza.

  4. La dimensione del fotogramma, nota anche come "il formato", è una proprietà della fotocamera (e informa anche la progettazione dell'obiettivo poiché un obiettivo deve essere in grado di soddisfarla proiettando un'immagine sufficientemente grande) - viene misurata lungo la diagonale dell'immagine in unità di distanza.

  5. Il ritaglio è l'atto di modificare le dimensioni del fotogramma, utilizzando una fotocamera diversa, un'area del sensore, un dorso digitale, una pellicola o ritagliando digitalmente un'immagine più grande.

  6. Il campo visivo e il corrispondente angolo di visualizzazione sono determinati dal lunghezza focale relativa alla dimensione del fotogramma: può essere modificata alterando uno dei due rispetto all'altro.

  7. Cambiando il campo visivo (annullando / ritagliando o modifica della lunghezza focale, ovvero zoom) senza spostare la fotocamera o la scena non influisce sulla prospettiva, influisce sulla composizione poiché gli oggetti sono inclusi o esclusi dal fotogramma e la dimensione di quelli esistenti rispetto alla dimensione dell'immagine cambia.

  8. Per mantenere una data composizione sotto un cambiamento del campo visivo (se non si include la prospettiva nella definizione della composizione, altrimenti diciamo che è impossibile e passiamo al 9.), dite di mantenere l'inquadratura riempita con il viso del soggetto è necessario spostare la fotocamera più lontano o più vicino al soggetto: questo altera la prospettiva e, nel caso dei ritratti, le proporzioni percepite dei tratti del viso.

  9. Per creare un'immagine identica sia in prospettiva che in composizione (un'immagine "equivalente") con dimensioni del fotogramma diverse, è necessario mantenere lo stesso campo visivo, poiché vengono fornite le dimensioni del fotogramma ciò significa cambiare la focale lunghezza. Di quanto? Moltiplicandolo per il rapporto tra la vecchia e la nuova dimensione del fotogramma, questo è il fattore di ritaglio ed è per questo che è anche noto come "moltiplicatore della lunghezza focale": non moltiplica la lunghezza focale di un determinato obiettivo, la lunghezza focale di una data lente viene moltiplicata per essa per ottenere una nuova lunghezza focale necessaria per creare un'immagine equivalente su una diversa dimensione del fotogramma.

#4
  0
Mike Sowsun
2018-04-04 03:40:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

"In che modo il fattore di ritaglio influisce sulla prospettiva?"

La pellicola Super 35 ha generalmente una dimensione del fotogramma di 24,89 mm x 18,66 mm, che è più piccola di una fotocamera FF (36 mm x 24 mm), ma più grande di una fotocamera Canon (22,5 mm x 15 mm) o Nikon (24 mm x 16 mm).

Questo presuppone un rapporto di aspetto 3: 2 per le foto, ma il video DSLR utilizza un 16 : 9 e non sono sicuro della dimensione esatta dell'immagine utilizzata nei video 16: 9.

La dimensione dell'immagine video e il fattore di ritaglio cambieranno notevolmente a seconda della fotocamera e della risoluzione con cui stai scattando. (La Canon 5D Mk IV ha un fattore di ritaglio 1,74 durante la ripresa di video 4K)

Fonte immagine enter image description here

In In generale, se si utilizza un sensore di immagine più piccolo (sensore di ritaglio), è necessario posizionarsi più indietro o utilizzare un obiettivo più ampio (lunghezza focale inferiore) per ottenere lo stesso soggetto inquadrato.

Stare più indietro cambierà la prospettiva, ma utilizzando un obiettivo più ampio e avvicinandoti dovresti essere in grado di abbinare la prospettiva.

Penso che nella maggior parte dei casi Super 35 e il video APS-C sono abbastanza vicini che la persona media non potrebbe capire la differenza.

#5
  0
Alan Marcus
2018-04-04 20:53:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Prospettiva in termini di fotocamera - più di quanto si possa pensare:

Prima una precisazione - Tranne che per circostanze speciali, la prospettiva corretta (corretta) non è importante per la stragrande maggioranza delle foto scattate. Tuttavia, è la proprietà prospettica dell'immagine bidimensionale che consente allo spettatore di esprimere giudizi sulle distanze comprese. Per alcuni è essenziale una prospettiva corretta o quasi corretta. Stiamo parlando di immagini scientifiche e di immagini lusinghiere di volti, ecc.

Prospettiva corretta: se guardi un panorama fuori da una finestra, puoi tracciare con la matita di cera i contorni degli oggetti sulla lastra di vetro. Una traccia del genere rivela la "giusta" o la "prospettiva umana". Possiamo duplicare questa prospettiva se sostituiamo l'occhio umano con una fotocamera. Non fa differenza la dimensione (formato) della fotocamera o la combinazione di obiettivi con lunghezza focale utilizzata.

Possiamo visualizzare questa fotografia in quanto fornirà una prospettiva "corretta" se visualizzata delle stesse dimensioni (stampa a contatto o immagine della stessa dimensione del chip di imaging), da una distanza uguale alla lunghezza focale dello scatto lente. Nei tempi moderni, una tale distanza di visione è problematica perché le nostre fotocamere realizzano immagini in miniatura e la lunghezza focale utilizzata è probabilmente inferiore alla nostra distanza di lettura naturale. È quindi probabile che l'immagine risultante venga ingrandita. Supponiamo di ingrandire a 8 X 12 pollici per la visualizzazione. Ciò richiederà un ingrandimento di 8 ½ X se la fotocamera è un 35 mm full frame. Se la fotocamera è una fotocamera digitale compatta (APS), l'ingrandimento richiesto sarà di 12 X. In altre parole, ogni dimensione di formato diverso determina l'ingrandimento richiesto per ottenere un'immagine visualizzata nella dimensione finale.

Ora torniamo alla prospettiva "corretta": se l'immagine della telecamera non viene ingrandita e vista da una distanza pari alla lunghezza focale dell'obiettivo di ripresa, la prospettiva realizzata è "corretta". Se ingrandita, dobbiamo rivedere la distanza di visione in base all'ingrandimento applicato. Supponiamo che un obiettivo da 50 mm sia montato su un fotogramma intero e che venga visualizzata un'immagine 8 X 12 ingrandendo l'immagine della fotocamera 8,5X. Ora la distanza di visione è 8,5 x 50 mm = 425 mm = 17 pollici. Se queste condizioni sono raggiunte, allo spettatore viene presentata una prospettiva "corretta".

Supponiamo che la stessa vista venga ripresa utilizzando una fotocamera digitale compatta con un obiettivo da 30 mm montato. L'ingrandimento per ottenere un'immagine 8 X 12 è 12X. La distanza di visione che offre una prospettiva "corretta" è 33 x 12 = 396 mm = 16 pollici.

Conclusione: non fa differenza quale formato o quale lunghezza focale, a condizione che l'immagine venga vista da una distanza uguale alla lunghezza focale dell'obiettivo di ripresa moltiplicata per il grado di ingrandimento.

Un punto chiave: la maggior parte delle immagini viene vista da una distanza circa uguale alla loro misura diagonale. Questo fatto è preso in considerazione dall'usanza del settore di assegnare la lunghezza focale "normale" per un formato basato sulla misura diagonale. Per il full frame questo valore è di 45 mm, ma di solito è arrotondato a 50 mm per convincere. Per il digitale compatto (APS) questo valore è di circa 33 mm

Un ultimo punto: nel corso degli anni le dimensioni delle fotocamere si sono ridotte a causa dei miglioramenti tecnologici nei sensori di pellicola e immagine. Questa tendenza continuerà. Anche la lunghezza focale dell'obiettivo consegnato ridotta proporzionalmente. Quindi la prospettiva finale dell'immagine è un intreccio di dimensioni del formato, lunghezza focale, distanza di visione e ingrandimento per creare l'immagine che verrà visualizzata.

Questa è una bella risposta ... tuttavia ... per citare la mia stessa risposta * "Quando ho iniziato a fotografare, mi ci sono voluti anni per capirlo, perché le persone tendono a spiegarlo con un sacco di matematica, o in un modo ha senso una volta che hai già compreso il principio, ma non prima. "*
@ Tetsujin - Lunghezza focale - Dimensioni formato --- Distanza del soggetto - Distanza di visione - Ingrandimento - e simili, si basano sulla distanza. La distanza è basata sui numeri. La manipolazione dei numeri è matematica. Mi sembra che per spiegare la prospettiva dobbiamo ricorrere alla matematica.
... il che purtroppo lo rende incomprensibile per il principiante [e per me, dato che le mie capacità aritmetiche sono scarse, rispetto alle mie linguistiche o geospaziali]
@ Tetsujin - La prospettiva visualizzata in un'immagine bidimensionale è complessa. Noi abbiamo un. Prospettiva lineare b. Prospettiva di sovrapposizione c. Prospettiva della profondità di campo d. Prospettiva percepita dall'illuminazione e. Prospettiva alterata dall'atmosfera f. Prospettiva modificata dal colore g. Prospettiva modificata da Parallax f. Prospettiva del movimento g. Distanza oggetto h. Prospettiva modificata dalla lunghezza focale ecc.
e lì riposa l'accusa, milord;)
#6
  0
Michael C
2018-04-04 22:39:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non è così.

LA PROSPETTIVA È SEMPRE CIRCA LA POSIZIONE DELLA FOTOCAMERA RELATIVA AI SOGGETTI VISIBILI NEL CAMPO VISIVO. NON SI TRATTA MAI DI LENTI, DIMENSIONI DEL SENSORE O QUALCOSA ALTRO.

Per quanto ho capito, fotografare la stessa immagine sulla fotocamera APS-C della fotocamera Super 35 è necessario utilizzare un obiettivo più ampio, con la lunghezza focale necessaria determinata dal fattore di ritaglio. L'uso di un obiettivo più ampio, tuttavia, influirebbe sul modo in cui viene percepita la profondità, ad es. gli oggetti sullo sfondo appaiono più lontani rispetto a quando si utilizza un obiettivo più lungo. Quindi questo non risulterebbe nella "stessa" immagine. È corretto?

NO NON LO È. SE LA TELECAMERA È NELLA STESSA POSIZIONE HANNO LA STESSA PROSPETTIVA. PERIODO. ¹

Parti della scena che sono visibili in un'immagine saranno visibili nell'altra. Parti della scena nascoste da altri oggetti nella scena saranno comunque nascoste da quegli altri oggetti. Questo perché le linee dalla telecamera a ciascun oggetto sono sempre le stesse e sono sempre dritte. Ciò che può cambiare è il modo in cui quegli oggetti vengono proiettati dalla lente che influenzerà la forma di quegli oggetti come proiettati sul piano focale, ma le stesse parti di ogni oggetto saranno visibili e le stesse parti non saranno visibili fintanto che il la fotocamera e gli oggetti sono tutti nella stessa posizione. Ecco cos'è la prospettiva !

Qualsiasi differenza tra due immagini realizzate con obiettivi diversi riprese dalla stessa posizione e con lo stesso campo visivo NON sarà dovuta a differenze di prospettiva. Saranno dovute alle differenze tra le due lenti in termini di proiezione geometrica causate dal modo in cui ciascuna lente rifrange la luce che la attraversa, dalla diversa risoluzione assoluta dei due sistemi obiettivo / fotocamera, da la differenza di colore e trasmissione della luce tra i due sistemi di fotocamere / obiettivi, ecc. Ma non ci sarà differenza di prospettiva se entrambe le foto vengono scattate dalla stessa identica posizione.

La differenza tra un'immagine scattata con un fisheye da 8 mm e un'immagine scattata con un obiettivo rettilineo da 8 mm non è una differenza in prospettiva se entrambe le immagini sono riprese dalla stessa posizione di ripresa. È una differenza nella geometria della proiezione di un mondo 3D su un sensore (o pellicola) 2D. Se ci sono due oggetti con una parte di un oggetto davanti a una parte dell'altro oggetto, a condizione che si spari dallo stesso identico punto, verranno viste le identiche parti dell'oggetto posteriore e l'esatta stesse parti dell'oggetto posteriore saranno nascoste dall'oggetto più vicino . Questa è la prospettiva !

La differenza nel modo in cui questi due oggetti sono di forma diversa nelle due foto non è una di prospettiva , è una di geometria di proiezione . Due cose totalmente diverse. La distorsione prospettica è il risultato della posizione di ripresa. La distorsione geometrica è il risultato dei diversi modi in cui lenti diverse proiettano la stessa prospettiva su un sensore di immagine piatto o su un pezzo di pellicola.

Per ulteriori informazioni, per favore visualizza questa risposta a una domanda diversa ma correlata: C'è differenza tra scattare una foto da lontano con un obiettivo da 50 mm e una ripresa da vicino con un obiettivo da 35 mm?
Vedi anche questa risposta a: Il grandangolo equivalente nel sensore di ritaglio inclina l'immagine?

La prospettiva dipende solo dalla distanza di scatto: sia la distanza dalla fotocamera al soggetto che la distanza dalla fotocamera al primo piano / sfondo e le proporzioni tra tutti. Se scatti dalla stessa distanza con due sensori di dimensioni diverse o lunghezze focali diverse e ritagli l'inquadratura più ampia in modo che corrisponda all'angolo di campo più stretto, la prospettiva è identica .

Se scatti dalla stessa posizione con entrambe le fotocamere, prendi la fotocamera Super 35 e ritagliala con lo stesso angolo di campo del sensore APS-C che ti darà praticamente la stessa immagine, a parte le differenze di qualità ottica tra i due sensori e la risoluzione persa a causa del ritaglio.

Ma anche se dovessi scattare con la stessa fotocamera, scattare da una distanza diversa darà una prospettiva diversa. Questo perché la distanza di ripresa è l'unica cosa che determina la prospettiva. La lunghezza focale e le dimensioni del sensore determinano quindi l'angolo di campo e l'inquadratura da quella distanza di ripresa. Quindi eseguire il backup con un sensore di ritaglio per ottenere la stessa inquadratura del soggetto di un sensore più grande a una distanza di ripresa più ravvicinata offre anche una prospettiva diversa: le dimensioni e le forme relative degli elementi più vicini e più lontani dalla fotocamera si sposteranno poiché il rapporto tra le distanze dei vari elementi rispetto alla fotocamera cambia.


Copyright immagine 2007 SharkD, con licenza CC-BY-SA 3.0

Ecco un esempio estremo dell'effetto delle differenze nella distanza di ripresa quando si utilizzano lunghezze focali diverse per ottenere la stessa inquadratura da distanze diverse. Il cambio di prospettiva è dovuto al cambiamento della distanza di ripresa e ai diversi rapporti di distanza tra i vari elementi della scena e la fotocamera mentre la fotocamera si sposta avanti e indietro per preservare l'inquadratura del soggetto a varie lunghezze focali.

https://imgur.com/XBIOEvZ

Come possiamo garantire che venga catturata un'immagine equivalente, sia in termini di campo visivo che di prospettiva?

Scatta dalla stessa identica posizione con una combinazione di obiettivo + fotocamera che offre la stessa punto di vista. È così semplice. Se desideri la stessa profondità di campo, applica anche il rapporto tra dimensioni del sensore / lunghezze focali dell'obiettivo al numero f utilizzato.

¹ Il motivo per cui pensiamo una lunghezza focale maggiore fa sì che gli oggetti sullo sfondo siano più piccoli di quanto sarebbero se avessimo usato un obiettivo con lunghezza focale maggiore perché quando usiamo un obiettivo più ampio ci avviciniamo al soggetto . Questo cambia il rapporto tra la distanza della fotocamera dal soggetto e la distanza della fotocamera dallo sfondo. Se riprendiamo un soggetto da 15 piedi e lo sfondo è di altri 15 piedi dietro il soggetto, il rapporto delle distanze dalla fotocamera è 1: 2 (15 piedi / 30 piedi). Se utilizziamo un obiettivo più ampio e ci spostiamo entro 5 piedi dal soggetto, il rapporto ora è 1: 4 (5 piedi / 20 piedi).

Per ulteriori letture correlate, vedere: Perché devi cambiare la tua posizione anziché solo la lunghezza focale per influenzare la prospettiva?
Qual è la differenza tra la distorsione prospettica e la distorsione a barilotto oa cuscinetto? C'è differenza tra lo scatto lontano con un obiettivo da 50 mm e uno scatto ravvicinato con un obiettivo da 35 mm?
L'equivalente grandangolare nel sensore di ritaglio distorce l'immagine?
Lunghezza focale su Full frame e sensori ritagliati
Un teleobiettivo può avere un ampio campo visivo?
Come funziona la lunghezza focale cambiare prospettiva?
Perché lo sfondo è più grande e più sfocato in una di queste immagini?
Cosa significa veramente che i teleobiettivi "appiattiscono" le scene?

Sfatare il mito: prospettiva focale &



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...