Domanda:
Perché la lunghezza focale viene misurata in millimetri?
V.B
2013-09-18 16:07:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché la lunghezza focale viene misurata in millimetri?

In che cosa ti aspetti che venga misurata una lunghezza?
@philip Penso che intendano perché mm anziché dire, cm o pollici o metri o anni luce o parsec.
Una ragione ovvia è che il mondo scientifico generalmente (non sempre) utilizza l'IS anche in paesi come gli Stati Uniti e il Regno Unito, dove non è utilizzato in altre pratiche generali. La realizzazione di lenti è molto scientifica, quindi nessuna sorpresa.
Forse una domanda migliore e più completa è "come viene misurata la lunghezza focale?"
Vedo un certo spregio in questo thread da parte di alcune persone. Vorrei affermare che penso che questa sia una domanda importante sulla "Storia della fotografia" e il commento di @mattdm di seguito è un'aggiunta importante. Quindi, direi che la vera risposta è: ** Abbiamo optato per mm a causa di una combinazione di unità SI e convenienza in termini di grandezza sebbene siano state utilizzate unità storicamente diverse **. (Vedo ancora elenchi ebay per obiettivi da 2.8 cm, e devo fermarmi a pensare, che tipo di obiettivo è quello!)
Lol, questo è assurdo. Nel momento in cui questa domanda è comparsa sulla home page della community ho pensato "Oddio, sono anni che volevo chiedertelo anche io". L'ho aperto, ho letto il commento e seriamente stavo pensando "Stanno scherzando ??". Poi ho capito che nessuno ha capito il senso della domanda .... non si tratta di perché mm e non pollici, si tratta di perché un angolo non è definito in gradi !!! Gente, non potete immaginare quante volte mi hanno chiesto perché il campo visivo è in mm e non in gradi, e quante volte ho dovuto ricorrere alla "Tradizione. Non chiedere" MrGreen
@motoDrizzt La lunghezza focale è una lunghezza. Il campo visivo è un angolo. Sono due cose distinte e separate, che sono collegate. * Il modo * in cui sono correlati dipende da alcune cose, come la dimensione dell'immagine (dimensione del sensore) e il tipo di obiettivo. La relazione tra lunghezza focale e campo visivo sarà completamente diversa per un fisheye rispetto a una lente rettilinea.
@Szabolcs: dopo 2 anni di riflessi ne sono consapevole ora, e mi sono immaginato il rapporto tra i due pochi mesi fa; quello che stavo cercando di dire è che quando qualcuno inesperto guarda le lenti, una delle prime cose che nota è che c'è questa cosa chiamata "lunghezza focale" che esprime il campo visivo di una lente ... in mm: -O Mi capita molto spesso che le persone mi chiedano perché: le persone lo trovano innaturale. Quindi, sono rimasto davvero sorpreso dai commenti e dalle risposte qui per aver perso completamente il punto, solo quello :-)
Cinque risposte:
#1
+23
damned truths
2013-09-18 17:20:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In primo luogo, la distanza viene utilizzata per la lunghezza focale perché misura la distanza tra il piano della lente e il punto in cui i raggi rifratti si incontrano in un punto, quando i raggi incidenti erano paralleli. Di seguito è riportato un semplice diagramma di una singola lente. Nota: questo è solo per lenti convesse.

enter image description here

L'uso dei millimetri è semplicemente perché si tratta di una scala appropriata per questa misura. cioè le lunghezze più estreme non diventano numeri troppo grandi o piccoli per noi da comprendere facilmente. Teoricamente può essere utilizzata qualsiasi misura di lunghezza o distanza, ma ciò diventa impraticabile. Ad esempio, si potrebbe anche dire che un obiettivo da 50 mm misura circa 5,28511705 × 10 ^ -18 anni luce o 0,0005 Km. Entrambe queste misure sono estreme ma valide, anche se non pratiche.

Perché non centimetri? Molte lenti hanno lunghezze focali che non sono centimetri interi, e se possibile è meglio rappresentare un numero senza punti decimali, quindi mm è un'unità più pratica. C'è quasi certamente anche un motivo storico / tradizionale.

Gli obiettivi della fotocamera funzionano secondo lo stesso principio del semplice obiettivo singolo, ma includono molti elementi per la messa a fuoco e il teleobiettivo.

50 mm è anche 5 * 10 ^ 8 Ångström, che potrebbe essere un controesempio migliore per la lunghezza dell'anno luce rispetto al tuo 0,0005 km perché ti dà un esponente in base dieci positivo. Tuttavia, non ha molte cifre * diverse *, dato che 1 mm = 10 ^ 7 Å.
Anche le lenti divergenti (concave) hanno una lunghezza focale, ma è negativa, poiché misura la distanza dal punto di origine apparente ** dietro ** la lente da cui sembrano provenire i raggi divergenti.
Le lenti sono state misurate in altre unità, ma è stato molto tempo fa (principalmente nel XIX secolo). Più ho visto che non era mm era cm.
#2
+15
Olin Lathrop
2013-09-18 17:21:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché dire di avere un obiettivo furlong .0002485 è molto più ingombrante che chiamare lo stesso obiettivo "50 mm".

Le lunghezze focali degli obiettivi comuni si trovano nella gamma in modo che il mm intero funzioni bene. I numeri non diventano ridicolmente grandi o piccoli e 1 mm è inferiore alla precisione che ci interessa di solito, ma non eccessivamente. In altre parole, è un'unità conveniente.

#3
+14
Matt Grum
2013-09-18 17:20:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sebbene sia utilizzata per esprimere il campo visivo, la lunghezza focale di un obiettivo è una distanza effettiva, ovvero la distanza alla quale un'immagine focalizzata è formata da raggi paralleli. In quanto tale, qualsiasi unità di distanza potrebbe essere utilizzata: se guardi lenti molto vecchie, spesso la troverai indicata in pollici. La maggior parte del mondo ha ora adottato il sistema metrico in modo che sia quello che viene utilizzato (per motivi di standardizzazione, anche la maggior parte dei produttori di lenti ha sede in Europa o nell'estremo oriente). Avrebbero potuto scegliere centimetri o metri, ma ciò avrebbe comportato l'utilizzo di cifre decimali.

Accade solo che il millimetro sia appena sufficiente per specificare tutte le lunghezze focali comuni come numeri interi.

mm è anche preferito nella maggior parte delle officine di ingegneria e laboratori di progettazione invece di cm.
#4
+6
fortran
2013-09-20 17:40:03 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'altro modo logico per caratterizzare un obiettivo potrebbe essere l'angolo di FOV che produce.

Non avremmo più bisogno di pensare in "equivalenze a 35 mm", ma avremmo bisogno di cambiare la designazione del obiettivo a seconda delle dimensioni del telaio / sensore su cui viene utilizzato. Quindi sembra che denotare la lunghezza focale (in qualsiasi unità) sia più conveniente, in quanto non cambia se si utilizza un obiettivo su un medio formato, full frame, apsc di 4: 3 body.

E dovremmo anche concordare in anticipo se l'angolo viene misurato orizzontalmente, verticalmente o anche diagonalmente. E poi se lo misuriamo in gradi o radianti!

#5
+2
Kaushik Ghose
2013-09-18 17:49:51 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il punto sull'appropriatezza delle dimensioni dell'unità è ben preso, tuttavia, proprio come i caratteri vengono misurati in punti (che sono 1/72 di pollice) la lunghezza focale potrebbe essere stata misurata in qualche scala di un pollice che ha dato numeri altrettanto ben comportati. Penso che l'uso del millimetro sia avvenuto perché un po 'di armeggiare con la fotografia è stato fatto in Europa, in particolare in Francia che aveva appena adottato il sistema metrico e quindi i primi tecnici hanno optato per i mm, piuttosto che per alcune frazioni di pollici. Tuttavia, non ho fonti per questa congettura.

Le prime lenti prodotte in Inghilterra e negli Stati Uniti erano misurate in pollici.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...