Domanda:
Perché si chiama gamma dinamica?
Jossie Calderon
2020-07-21 22:22:47 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Capisco che la gamma dinamica sia la differenza tra l'illuminazione più brillante e quella più scura, ma perché dinamica ? Perché non intervallo statico?

Non sono sicuro che questa domanda su etimologia / semantica sia abbastanza in tema qui.Forse: https://english.stackexchange.com/ o https://hsm.stackexchange.com/
Sospetto fortemente che il motivo per cui è la parola _dynamic_ sia tramite la terminologia audio, e quindi [in definitiva dalla musica] (https://en.wikipedia.org/wiki/Dynamics_ (musica)).
Il concetto di cui parli si chiama contrasto.La gamma dinamica si riferisce alla gamma che una telecamera può gestire, che è dinamica.
@user3528438 - in che modo è dinamica la gamma?È una specifica piuttosto fissa quando una telecamera esce dalla fabbrica.
È solo storico.
Cinque risposte:
#1
+43
Kahovius
2020-07-22 00:02:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché "intervallo dinamico" non si riferisce a un intervallo dinamico, ma piuttosto a un intervallo di dinamiche . Ad esempio: gamma di luminosità o riflettanze nella fotografia, o una gamma di ampiezze in acustica.

Nota che "dinamico" deriva dal greco δύναμις che significa "potenza".

Sì.Il termine ha avuto origine nell'ingegneria audio e da lì si è diffuso in altri campi.La relazione con la "dinamica" nella musica è interamente intesa.
@hobbs: Soprattutto considerando che la luce, come il suono, assume la forma di onde di ampiezza misurabile.
Si noti che, a differenza della gamma, _dynamic contrast ratio_ vs _static contrast ratio_ (dove "dinamico" e "statico" sono aggettivi) è molto importante quando si discute delle capacità dei monitor.
@supercat Non credo che sia un confronto valido.Un suono più forte è un'onda acustica con un'ampiezza maggiore di un suono più basso, che muove più aria.Ma una sorgente di luce più brillante non emana un'onda con un'ampiezza maggiore, ma invia più fotoni che possono o non possono essere conteggiati con precisione da un sensore (determinato dalla sua gamma dinamica).
@smcs in realtà lo fa: nel regime classico più fotoni (in media) significa maggiore ampiezza dell'onda EM.Ed è abbastanza simile all'onda acustica che in un cristallo può essere descritta in termini di fononi.
@Ruslan Ma nel regime classico, l'ampiezza di molti fotoni in media è concettuale, non c'è un'onda reale con creste e avvallamenti che colpiscono un rivelatore, come nel caso delle onde acustiche.Saresti d'accordo?
Ancora una volta @smcs, nel regime _classico_ la teoria di Maxwell è completa.Ci sono creste e depressioni nel campo elettrico che si muovono lungo la direzione di propagazione e le oscillazioni dovute a queste sono quelle che provocano l'eccitazione degli elettroni nel rivelatore.È tipico trattare il campo EM come sfondo in QM (a differenza di QED) e in molti casi è sufficiente per i calcoli.
@Ruslan Naturalmente ci sono creste e avvallamenti nella radiazione EM, a livello di fotone.Ma hanno tutti la stessa ampiezza, quindi l'ampiezza è irrilevante qui per il concetto di gamma dinamica di un sistema (ad esempio una fotocamera digitale).
-1
@smcs Ma i sensori della fotocamera generalmente non misurano l'ampiezza dell'onda propagata da un singolo elettrone.Misurano l'ampiezza dell'intera intensità di campo in una posizione specifica (ogni fotosite sulla superficie del sensore) in un intervallo di tempo specifico.
#2
+3
Tetsujin
2020-07-21 22:59:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non è la differenza , è il rapporto”.

Un rapporto non ha un "minimo" o un "massimo" fisso, quindi è dinamico invece che statico.

Rif: Wikipedia - Gamma dinamica

Per essere onesti, poiché DR è solitamente espresso in logaritmi, il logaritmo di un rapporto è uguale alla differenza dei logaritmi delle parti del rapporto./ nitpick.=)
Sei sicuro?La risposta sotto di me dice diversa e suona più persuasiva.
@JossieCalderon a quale risposta ti riferisci?(suggerimento, puoi fare clic sul piccolo testo 'condividi' e copiare / incollare il link effettivo la risposta, che non è ambigua)
L'affermazione di @JossieCalderon [scottbb] è un fatto matematico per il tipo di numeri che sono rilevanti qui.
@JossieCalderon Ricorda che l'ordine delle risposte è una preferenza impostata da ciascun utente.Ognuno di noi vede un ordine diverso, forse.
#3
-2
aml
2020-09-03 14:17:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La risposta è più semplice?

La scala statica suggerisce una scala fissa indipendentemente dall'influenza esterna.

La gamma dinamica suggerisce che la scala è influenzata da un'influenza esterna.

Quindi l'intervallo a mezzogiorno, diciamo, mezzogiorno in una luminosa giornata di sole avrebbe una differenza maggiore rispetto alle 12:00 in una giornata fredda e grigia.

La scala (diciamo 0-99) rappresenterebbe ancora il contrasto / rapporto tra il più scuro e il più chiaro, ma le differenze tra i singoli incrementi della scala sarebbero dinamiche, in base alle condizioni fisiche di illuminazione.

La parola "statico" non entra davvero in gioco.Cioè, il termine "intervallo dinamico" è una proprietà quantificabile di un segnale, immagine, ecc. Non esiste un "intervallo statico" corrispondente, né "dinamico" in opposizione a "statico" in questo contesto.Analogamente alla musica, non parliamo della "statica" di una canzone, di un passaggio, ecc. Parliamo della dinamica, della differenza tra le parti forti e le parti basse, specialmente il loro cambio rapido o repentino tra alti e bassi e viceversa.
Non stavo suggerendo che ci fosse un termine "intervallo statico", ma non sono d'accordo sul fatto che non ce ne sia uno.Le note complete su qualcosa di intonazione perfetta sono fisse, cioè;valore statico.Il Do centrale è sempre una frequenza specifica.Quello che ho detto è che i valori min / max di una data scena sono dinamici, quindi gli incrementi tra queste 2 variabili saranno dinamici.La luce non è fissa, quindi luminosità e contrasto equivalgono al volume / volume all'interno del suono.
#4
-4
supercat
2020-07-22 17:21:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

L'illuminazione apparentemente costante rappresenta infatti una miscela di onde ad alta frequenza. Se l'intensità è sufficientemente bassa e si espone un pezzo di pellicola, queste onde causeranno una sequenza di cambiamenti distribuiti in modo casuale negli stati dei cristalli nell'emulsione. Mentre alcuni tipi di apparati di rilevamento possono sembrare considerare la luce come uno stato stazionario, ciò che effettivamente accade all'interno dell'apparato è che la luce farà uscire qualcosa nell'apparato dal suo stato di riposo, quindi l'apparato lo ripristinerà, quindi la luce lo farà cadere di nuovo , ecc. I processi associati alla luce sono generalmente così veloci che, per la legge dei grandi numeri, sembrano uniformi, ma al di sotto di questa apparente uniformità le cose cambiano di fatto costantemente.

Questo sembra ragionevole per la fisica / chimica, ma cosa ha a che fare con la gamma di intensità luminose che una determinata pellicola o sensore può effettivamente misurare?E, cosa più importante, come spiega questo cos'è la gamma dinamica * *?per esempio.La luminosità lineare in scala di grigi a 8 bit può rappresentare solo intensità di pixel diverse da zero da 1 a 255, un rapporto piuttosto patetico tra l'intensità più chiara e quella più debole non completamente nera rispetto alla pellicola chimica.
@PeterCordes: La domanda era "perché non intervallo statico".Nessuna delle altre risposte sembrava affrontare il fatto che il rilevamento della luce non è un processo statico.Non ho visto nulla nella domanda sul perché i sensori digitali contassero solo 255 valori lineari.Con il rilevamento della luce come con l'audio, un fattore limitante della gamma dinamica è spesso il rumore di fondo.Se una fotocamera supporta più impostazioni ISO, può utilizzare valori da 0 a 255 per rappresentare un'intensità da 0 a 100% o da 0 a 25%, ma in quest'ultimo caso finire con molto più rumore sull'immagine.Se la fotocamera dovesse provare a gestire ...
... a 4095 o 65535 livelli di intensità su ciascun pixel invece di 255, i bit inferiori finirebbero per essere principalmente rumore.Sfortunatamente, mentre il contenuto di informazioni utili in quei bit sarebbe molto inferiore rispetto ai bit superiori, la quantità di memoria necessaria per registrarli senza perdite sarebbe molto maggiore rispetto ai bit superiori.
Stavo solo dando un esempio concreto di gamma dinamica (che ha già numeri incorporati perché è digitale, supponendo che il rumore di fondo sia inferiore a 1; buon punto sul rumore).Comunque, non vedo come la tua risposta sia rilevante per la gamma dinamica di una misurazione dell'intensità della luce * mediata sulla durata dell'esposizione *.La fotografia normale avviene in intervalli di intensità in cui il numero di fotoni per pixel o per grana di pellicola (moltiplicato per la loro possibilità di reagire effettivamente in un modo che crea una differenza) è abbastanza alto da far funzionare la media molto bene.
@PeterCordes: Scattare una foto con una fotocamera fissa non è fondamentalmente diverso dallo scattare un gruppo di foto con una videocamera (possibilmente a un frame rate molto veloce o molto lento) ma poi buttare via tutte tranne una.Per quanto riguarda il motivo per cui i sensori della fotocamera sono diversi dalla pellicola, la pellicola non esposta cerca di ridurre al minimo la quantità di materiale con cui i fotoni interagiranno senza essere rilevati.I sensori della fotocamera devono contenere molte cose per gestire il trasporto delle informazioni sull'immagine fuori dal sensore, riducendo così la frazione di fotoni che sarà utilmente rilevata.
@supercat Non necessariamente.La pellicola ad altissima velocità aveva degli spazi tra i grani che non catturavano nemmeno * ogni singolo fotone * che cadeva sulla pellicola.
@MichaelC: Nessun film sarà perfetto, e quando si usano film ad alta velocità un cambiamento nello stato di una molecola probabilmente innescherà cambiamenti ad altre nelle vicinanze durante lo sviluppo (il che potrebbe oscurare il fatto che anche quelle altre molecole erano state colpite dalla luce) mala pellicola è in genere molto migliore nel registrare i fotoni rispetto ai tipici sensori elettronici progettati per la lettura ad alta velocità.
#5
-6
Jossie Calderon
2020-07-21 22:34:14 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vengono acquisiti più fotogrammi e ad alcuni fotogrammi vengono aggiunte informazioni aggiuntive (come in più illuminazione) e ridotte in altri. Le cornici vengono poi combinate in una per amplificare i colori chiari e scuri. Questo ti dà una gamma alta di saturazione che può essere modificata, ecco perché HDR sta per High Dynamic Range.

Sono confuso, rispondi alla tua stessa domanda, ma la tua risposta riguarda solo l'alta gamma dinamica e non il motivo per cui si chiama gamma dinamica.La tua risposta non si adatta veramente alla tua domanda.
@Matt: All'interno di about è il perché.Dico letteralmente perché si chiama HDR.
Hai spiegato la parte alta dell'HDR, ma il titolo e il corpo della tua domanda riguardano il termine base "gamma dinamica".Ogni sensore e modo di rappresentare un'immagine (ad esempio campioni RGB a 8 bit) ha una certa gamma dinamica fissa.Non è necessario eseguire l'HDR multi-esposizione per la gamma dinamica come concetto per essere rilevante.Questa risposta non è sbagliata, semplicemente non è una risposta a * questa domanda *.
Hai chiesto "Perché si chiama gamma dinamica?"non "Perché si chiama High Dynamic Range?"o "Che cos'è la gamma dinamica elevata?"L'HDR è un modo per aumentare la gamma dinamica della tua fotocamera catturando scatti con esposizioni diverse e combinandole.
@john HDR è qualsiasi metodo che consente di acquisire dettagli in una scena in cui la gamma dinamica dei dettagli in quella scena supera la capacità DR del supporto di visualizzazione previsto.Non necessita di esposizioni multiple.Ciò che Adams ha fatto con il suo sistema a zone per spremere scene ad alta gamma dinamica su carta a bassa gamma dinamica è una forma di imaging ad alta gamma dinamica.Il termine era molto prima della fotografia digitale.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...