Domanda:
Esistono app per l '"allenamento degli occhi" (ad esempio, percezione visiva del bilanciamento del bianco / temperatura del colore)?
Kiah
2016-06-29 14:09:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

So che esistono diverse app nel mondo della musica (come l ' allenamento funzionale dell'orecchio ) che ti "addestrano" a riconoscere determinati intervalli all'interno dei tasti suonando le note e poi facendoti scegliere l'intervallo . Mi chiedo se esistono app simili per il settore della fotografia. Ad esempio mostrando varie luci colorate e scegliendo approssimativamente la temperatura del colore / il bilanciamento del bianco.

Sarebbe interessante, penso, essere in grado di diventare più perspicace verso questo genere di cose piuttosto che fare affidamento solo su un misuratore di luce o un dispositivo simile, e penso che un'app sarebbe un buon modo per farlo.

Conosci app di questo tipo o simili che vengono utilizzate per migliorare la percezione visiva della luce e del colore?

Inizia il tuo allenamento per gli occhi con questo http://xritephoto.com/cool-tools Color IQ Test.
Noi umani non abbiamo la capacità di riconoscere il colore assoluto.
Cinque risposte:
#1
+3
Alan Marcus
2016-06-29 19:15:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Con l'esperienza diventi più consapevole di come l'illuminazione e il colore dell'illuminante cambieranno il modo in cui si riprodurrà un panorama. Inizi a vedere che le ombre sulla neve hanno una tinta bluastra e ti rendi conto che l'illuminazione al tungsteno è orientata verso il giallo.

Noi umani vediamo con i nostri occhi / cervello e questo complica. Prova questo esperimento illuminante. Procurati dei filtri colorati forti, sai, rosso intenso, giallo intenso, verde intenso. Nessun filtro? OK, involucri di caramelle di cellophane trasparente colorato ecc.

Ora tieni uno dei filtri forti davanti a un solo occhio. Guardare tenendo un occhio è fortemente filtrato, l'altro no. Dopo circa due o tre minuti, togli il filtro e guardati intorno. Scoprirai che il bilanciamento del colore dell'occhio filtrato è molto diverso da quello dell'occhio non filtrato. Ciò dimostra come la combinazione occhio / cervello influenzi la visione dei colori. Per tutto il giorno, mentre ti sposti da un luogo all'altro e ogni volta che il colore dell'illuminante cambia, la tua percezione del colore cambia.

Quello che succede è che i recettori del colore sulla retina cambiano la loro sensibilità. In altre parole, l'occhio / cervello tenta di regolare la condizione di illuminazione su "normale". Non sei consapevole perché accade contemporaneamente ad entrambi gli occhi. In questo esperimento viene cambiato solo un occhio; così diventi consapevole della grandezza di questo fenomeno.

Esegui questo esperimento; ti aiuterà a capire il bilanciamento del bianco.

Ti consiglio di leggere "Il colore come visto e fotografato", una pubblicazione Kodak fuori stampa E-74

Faccio eccezione all'affermazione di "... cambia sensibilità". Di solito accade che lo sbiancamento dovuto alla saturazione provochi uno squilibrio quando si rimuove il filtro, l'equivalente di quella che viene chiamata "immagine residua".
L'occhio umano è notevole nella sua capacità di cambiare la sua sensibilità alla luce. Dai un'occhiata all'effetto Purkinje.
@CarlWitthoft L'adattamento oculare è un esempio di questo fenomeno. L'equivalente tattile è acclimatare.
#2
+2
Carl Witthoft
2016-06-29 16:38:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ne dubito, dal momento che il colore percepito ha poco a che fare con il bilanciamento del colore reale. Ecco perché tendi a interpretare il colore di un oggetto come immutabile sia che lo osservi alla luce diretta del sole, nel tardo pomeriggio (tramonto) o con illuminazione a incandescenza da interni.

L'unico motivo per cui possiamo dire, diciamo, fluorescente vs .L'incandescenza a bassa temperatura (lampadina Edison) è che le gamme di colori sono incredibilmente diverse, e anche in questo caso è difficile da fare a meno che le due sorgenti non siano fianco a fianco.

A proposito, un esposimetro lo dirà non hai nulla sul bilanciamento del colore.

modifica

Mi viene in mente che molte fotocamere digitali offrono la possibilità di visualizzare un istogramma delle intensità R, G, B in una scena. Potresti provare a studiarli sotto diverse illuminazioni per vedere se riesci a convincerti che esiste una correlazione tra gli istogrammi e la tua percezione diretta del bilanciamento del colore.

Se le condizioni di illuminazione rimangono le stesse, c'è (solo!). Altrimenti no.
@Carl Witthoft Dipende dall'esposimetro. Esistono misuratori di luce RGB + ir. Fotocamere come Canon 1D X Mark II, 7D Mark II e Nikon D5 utilizzano tali misuratori di luce.
#3
+2
inkista
2016-06-29 23:46:35 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non ho mai visto app in grado di addestrarti in questo modo, ma ho visto app colorimetro per smartphone che identificano i colori, nonché un vero colorimetro / misuratore di luce per smartphone (o almeno il suo Kickstarter).

Sono disponibili più app per simulare le impostazioni di esposizione, per aiutarti ad addestrarti nelle impostazioni di esposizione appropriate per una determinata scena (ad esempio, CameraSim). Sembra essere più concreto e utile per gli studenti di fotografia.

#4
+2
Stan
2016-06-30 02:34:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Puoi ricevere formazione per aiutarti a diventare più consapevole, ma non più percettivo, nel modo in cui intendi. La percezione non è assoluta con valori fissi; ma è relativo alle capacità dei tuoi sensi su un continuum.

Puoi diventare consapevole che qualcosa dovrebbe accadere a livello intellettuale. Tale rivelazione viene messa in atto con un'osservazione e una reazione addestrata all'osservazione.
Ad esempio:
Oh, la luce è cambiata. Farei meglio a fare qualcosa per compensare quella differenza, ecc.

Non puoi essere addestrato a percepire se o quando un punto fisso è stato raggiunto usando i tuoi sensi, sebbene tu possa esserne consapevole la direzione in cui si è verificato un cambiamento.
Ad esempio:
Oh, la luce è cambiata. Farei meglio a portare il bianco su ... [finora, tutto bene] di 1800 kelvin al punto di bianco D65. [No.]
Questo NON è possibile. Questo scenario potrebbe MAI accadere. Non siamo bravi con i valori assoluti.

Nella tua domanda, fai riferimento agli intervalli tra le note che è un'analogia comparabile

Siamo migliori in quando di quanto ci troviamo con quanto situazioni.

Per elaborare un po 'l'ultima riga: ci sono persone con "intonazione perfetta" a un livello impressionante, ma la nostra capacità di percepire la periodicità assoluta va quasi del tutto al di sopra delle frequenze dello spettro audio. Con il colore, si tratta di percepire * quantità * relative di rosso, verde e blu ... e nel dominio dell'audio la nostra percezione della fluttuazione in * ampiezza * è molto meno precisa di quanto non lo sia anche con le fluttuazioni in * frequenza *.
#5
  0
null
2016-06-30 18:55:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Scatta un'immagine di un muro bianco con una struttura / consistenza. Ora prendi il selettore del colore del bilanciamento del bianco nel tuo editor di foto preferito e fai clic sull'immagine.

Vedrai che anche all'interno di un muro bianco, la temperatura del colore è diversa, sebbene queste differenze non siano percepibili sul muro bianco (sembra tutto bianco), l'applicazione della correzione per le diverse temperature di colore crea una differenza percepibile nell'immagine.

La temperatura del colore può differire anche all'interno dello "stesso" colore, che (in generale) non può essere percepito ed è necessario uno strumento per ottenere la corretta temperatura del colore.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...